Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Gennaio - ore 20.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Idee e progetti per la comunità, via a un bando per i giovani

Cinque sfide sociali nell'avviso di manifestazione di interesse lanciato dal Comune ed elaborato dalla presidenza del Consiglio dei ministri e Anci. Le proposte dovranno essere presentate entro il 21 gennaio.

"Fermenti in Comune"
Idee e progetti per la comunità, via a un bando per i giovani

La Spezia - "Uguaglianza per tutti i generi", "Inclusione e partecipazione", "Formazione e cultura", "Spazi, ambiente e territorio" e "Autonomia, welfare, benessere e salute". Sono queste le cinque sfide sociali alle quali la presidenza del Consiglio dei ministri, Anci e moltissime amministrazioni comunali italiane chiamano, attraverso il bando "Fermenti in Comune", gruppi informali di giovani e associazioni a sviluppare idee e presentare progetti per attivare iniziative che si ritengono prioritarie per le proprie comunità.
Tra i Comuni che hanno deciso di aderire c'è anche quello della Spezia che ha pubblicato (clicca qui) l'avviso pubblico di manifestazione di interesse per la presentazione di proposte progettuali di protagonismo giovanile nella dinamica di rilancio del territorio.

"Attraverso il coinvolgimento diretto, nella progettazione e realizzazione di azioni territoriali, della popolazione nella fascia di età dai 16 ai 35 anni, si intendono costruire risposte alle principali sfide sociali che il contesto attuale propone, anche alla luce della pandemia da Covid-19 in corso", si legge nel documento approvato ieri a Palazzo civico dalla dirigente dei Servizi socio-sanitari, Stefania Branchini.
Una commissione cittadina avrà lo scopo di selezionare e supportare l’avvio – o il rafforzamento laddove già presenti – di azioni positive messe in campo dai giovani nella convinzione che la progettualità giovanile sia un fattore determinante per contribuire a risolverle e quello da cui necessariamente ripartire.


Gli ambiti tematici di riferimento per le proposte progettuali

Uguaglianza per tutti i generi
Azioni volte all’eliminazione delle discriminazioni, della violenza e delle pratiche dannose e che hanno come focus il riconoscimento di pari diritti per tutti. Le azioni progettuali poste in essere, realizzate attraverso attività, servizi e soluzioni concrete, hanno l’obiettivo di conseguire - fra gli altri - specifici risultati: parità di genere per tutti e tutela dei diritti di tutti; pari indipendenza economica e condizioni retributive egualitarie; pari opportunità di impiego e di carriera nelle aziende, nelle Università, nei centri di ricerca e nelle istituzioni; pari opportunità nell’autoimpiego e nell’autoimprenditorialità; parità nei processi decisionali; integrazione e partecipazione attiva alla vita culturale, sociale e politica; miglioramento nel conciliare i tempi di vita e lavoro; contrasto alla violenza di genere e ad ogni tipo di discriminazione basata sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere tutelando ai massimi livelli la dignità e l’integrità dell’essere umano.

Inclusione e partecipazione
Azioni volte alla realizzazione della piena inclusione e partecipazione dei giovani nel tessuto sociale, economico e culturale del paese in tutti i livelli territoriali. Inclusione e partecipazione dei Neet, di tutti coloro che vivono la condizione di emarginati e che si confrontano con ostacoli economici, sociali, geografici, educativi o di salute.
Le azioni progettuali poste in essere, realizzate attraverso attività, prodotti e servizi, hanno l’obiettivo di conseguire – fra gli altri – specifici risultati: partecipazione dei giovani ai processi democratici locali, nazionali e europei; coinvolgimento attivo dei giovani considerati “fragili”, rafforzamento dei canali di informazione diretti ai giovani relativamente a spazi, a opportunità e risorse ad essi destinate al fine di favorire dialogo e coesione sociale contrastando discriminazione e segregazione; facilitare l’accesso alle
informazioni comprensibili, adeguate, prodotte e distribuite con criteri etici e di qualità per tutti.

Formazione e cultura
Azioni volte alla realizzazione di sviluppo e crescita delle competenze dei giovani e che investono l’intero perimetro della vita collettiva ivi compresa la partecipazione civile attiva. Le azioni progettuali poste in essere, realizzate attraverso attività, prodotti e servizi, hanno l’obiettivo di conseguire – fra gli altri – specifici risultati: creazione di opportunità di apprendimento non formale al fine di provvedere al rafforzamento di competenze personali e sociali; sviluppo del pensiero critico, autonomo e analitico; capacità di risoluzione dei problemi; creazione per i giovani di percorsi di educazione alla cittadinanza e alla legalità da realizzarsi in forte connessione con le realtà territoriali.

Spazi, ambiente e territorio
Azioni volte alla tutela dell’ambiente in tutte le sue sfaccettature ivi compreso un maggiore diffusione della cultura di tutela e valorizzazione del territorio. Le azioni progettuali poste in essere, realizzate attraverso attività, prodotti e servizi, hanno l’obiettivo di conseguire – fra gli altri – specifici risultati: creazioni di luoghi fisici sicuri e aperti per la collaborazione, la socialità e l’aggregazione anche dei giovani; soluzioni abitative collaborative e comunitarie rivolte ai giovani con ridotta autonomia e capacità economica; promozione, in particolare fra i giovani, della cultura della responsabilità ambientale e dello sviluppo sostenibile; difesa del patrimonio ambientale e paesaggistico.

Autonomia, welfare, benessere e salute
Azioni volte alla realizzazione di migliori condizioni di vita che abbiano come focus l’autonomia economica e sostanziale per i giovani, investendo gli ambiti di benessere e salute. Le azioni progettuali poste in essere, realizzate attraverso attività, prodotti e servizi, hanno l’obiettivo di conseguire fra gli altri specifici risultati: soluzioni, anche di economia condivisa, che favoriscano il conseguimento da parte dei giovani di maggiore autonomia economica e sostanziale; soluzioni, anche di economia condivisa, per una più economica ed efficiente mobilità urbana ed extraurbana, in particolare dei giovani; soluzioni per la promozione fra i giovani di stili di vita sani e sicuri; soluzioni per un approccio inclusivo e intersettoriale dei problemi di salute mentale, in particolare per i giovani in condizioni di emarginazione.

Al termine del percorso di valutazione e selezione il Comune della Spezia presenterà a Roma la propria proposta progettuale che risulterà vincitrice rispetto a quelle che verranno presentate, in partenariato con associazioni, in particolare quelle giovanili, e/o enti privati o con altri partner pubblici o, ancora, Associazioni temporanee di scopo (Ats) costituite tra soggetti che, sulla base della normativa vigente, sono qualificati enti del Terzo settore.
In base al numero di abitanti dei comuni sono state create tre categorie, con diverse somme di denaro a disposizione. Il Comune della Spezia rientra nella fascia B e l'importo massimo erogabile è di 120mila euro per ogni singolo progetto.

Le proposte progettuali dovranno essere inviate all’indirizzo di Posta elettronica certificata servizisociosanitari.comune.laspezia@legalmail.it entro le 12 del giorno 21 gennaio 2021.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News