Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Marzo - ore 22.43

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

I prodotti magici della fiera, una storia lunga una vita

Negli anni '50-'60 San Giuseppe faceva i conti con i resti del conflitto bellico. Ma le bimbe impazzivano per le bambole di bachelite e non si poteva fare a meno di una collana di nocciole.

ricordi
I prodotti magici della fiera, una storia lunga una vita

La Spezia - I bambini non avevano i palloncini raffiguranti i personaggi dei cartoni, erano solo tondi a forma di animale, oppure erano più piccoli a spicchi colorati e di una gomma più spessa. Poi c'erano le collane di nocciole, la merce era esposta sui teloni e tra le novità per aiutare le donne di casa non mancava un curioso spremi agrumi. Eravamo a cavallo degli anni '50 e '60, quando la città era diversa e la Fiera di San Giuseppe era già l'immancabile appuntamento che salutava l'inverno e dava il benvenuto alla bella stagione.

I ricordi si affollano nella mente delle bambine di una volta per aver visto quella bambola di bachelite, con il vestito a farfalle, esposta sul suo piedistallo in un telo steso su Viale Amendola. Già, perché una volta la fiera di San Giuseppe era anche lì e molti espositori, che non potevano permettersi un banco, stendevano dei lenzuoli e preparavano la merce.
La fiera è sempre stata un punto di riferimento di grandi e piccoli che si cimentavano in acquisti di ogni genere, una 'moda' che ancora oggi non sembra passata.
Sono trascorsi più di cinquant'anni da quando i bambini smaniavano per una collana di nocciole, che al giorno d'oggi si trova sempre più di rado e sulle tavole non mancavano mai brigidini e i “negrettini”, che però venivano venduti singolarmente.
Se oggi possiamo gustare salumi e formaggi, negli anni '50 nella schiera dei prodotti alimentari non poteva mancare l'acquisto di pesce in scatola di diverse qualità. Le signore avevano l'imbarazzo della scelta per le stoviglie e non mancavano i bizzarri utensili miracolosi che permettevano di alleggerire il lavoro di casa e tra questi c'era il marchingegno che buca i limoni e in pochi minuti vi regala il succo dell'agrume.

Ma San Giuseppe non è unica per la sola merce in esposizione a fare la differenza sono anche i venditori. Le cronache raccontano di “Conti”, un notissimo venditore toscano che fino agli anni '80 ha fatto fare 'affari d'oro' alla fiera a grandi e piccini.
Il buon Conti partiva da un prezzo altissimo, esagerato, quando aveva rapito l'attenzione dei clienti partiva col ribasso e quasi come una cantilena recitava: “Non ve lo darò per 10, né per 5 ma per 2 mila lire”.
Ma la vendita straordinaria non si fermava al ribasso, perché per acquisire sempre più clienti lanciava la merce da prendere 'al volo' e offriva una grande quantità di pacchi regalo che comprendevano: giocattoli per maschietti e femminucce, un quadro in terracotta raffigurante un galeone spagnolo o qualche altro soggetto decisamente bizzarro, soprammobili e una serie di piatti.

A distanza di quasi sessant'anni sono cambiate tante cose: le disposizioni dei banchi, le merci in vendita e le esigenze dei clienti. Quello che difficilmente cambierà è l'affetto che, volenti o nolenti, gli spezzini hanno provato e provano per questo evento anche se spesso non lo danno a vedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News