Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Ottobre - ore 22.26

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Haruspex e il team italiano sconfiggono gli esperti Nato

Il software sviluppato da studenti del Polo Marconi è stato il migliore in una esercitazione internazionale che si è svolta a Roma nei giorni scorsi.

Haruspex e il team italiano sconfiggono gli esperti Nato

La Spezia - Dodici team di informatici di altrettanti Paesi che rientrano nel Patto atlantico, più un super team composto da esperti Nato. La missione è quella di resistere con programmi propri agli attacchi che giungono ad un sistema da difendere loro affidato, con alcuni punti oscuri.
L'esercitazione si è svolta nei giorni scorsi presso lo Stato maggiore delle forze armate italiane, a Roma e il software di punta della squadra italiana era Haruspex, il programma di difesa e riparazione delle reti informatiche sviluppato da un gruppo di studenti laureati al Polo Marconi, guidati dal professor Fabrizio Baiardi e dall'ingegner Marcello Montecucco, prima che corso di laurea in Sicurezza informatica creato dall'Università di Pisa venisse chiuso per effetto della riforma Gelmini.

Haruspex era al suo esordio nella competizione che si svolge ogni anno e i risultati sono stati a dir poco brillanti.
Il team italiano è stato quello meno attaccato di tutti, anche dello squadrone Nato, e in particolar modo le falle sono state causate delle mancate conoscenze su alcune parti del sistema da difendere. Altrimenti Haruspex avrebbe reso il sistema pressoché inattaccabile, nonostante non sia stato studiato per rispondere ad attacchi in tempo reale, ma per individuare e risolvere i difetti delle reti e per testarne la validità in corso di progettazione. Invece, grazie ad un altro software che lo ha affiancato e alla prontezza dei tecnici italiani, il programma 'spezzino' ha funzionato benissimo anche in questa configurazione.

Con grande soddisfazione ora il presidente di Promostudi, Dino Nascetti, che è responsabile del progetto, si mette alle spalle l'esito estremamente positivo dell'esercitazione e prosegue nella sperimentazione e nella promozione del software presso il ministero della Difesa e gli alti gradi delle forze armate in Italia e all'estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News