Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Settembre - ore 17.32

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Gli animalisti contro il taglio dei boschi per camini e stufe

Gli animalisti contro il taglio dei boschi per camini e stufe

La Spezia - "Non avremmo mai voluto che l’ultimo atto del governo Gentiloni fosse l’approvazione dell’orribile decreto denominato Testo Unico Foreste, che “riorganizza” il nostro bel patrimonio comune di boschi e di foreste all’insegna delle biomasse e del pellet, con conseguenze gravisisme anche per la fauna e per la biodiversità. Il testo approvato oggi dal Consiglio dei Ministri afferma infatti il concetto indefinito e pericoloso di “gestione attiva” legata in modo esclusivo allo sfruttamento del legname, mentre tralascia la valenza prioritaria degli ecosistemi costituiti da boschi e foreste che sono elementi complessi e che pertanto svolgono tante fondamentali funzioni sull’ambiente, dalla biodiversità al clima, dagli equilibri idrogeologici al paesaggio. Ma questi aspetti sono stati completamente ignorati dal testo del Consiglio dei Ministri sebbene il nostro Paese sia da tempo vincolato al rispetto di convenzioni internazionali e direttive comunitarie anche per la tutela della biodiversità animale e vegetale. Dunque, l’ecologia sotto la scure dello sfruttamento produttivistico". Lo dichiara Annamria Procacci, Consigliera Nazionale di Enpa, commentando il decreto licenziato oggi dal Consiglio dei Ministri.

"Questa scure è destinata a colpire anche il bosco in crescita spontanea, avviato alla maturità, su terreni già agricoli, con la conseguente perdita di tutto il patrimonio di biodiversità vegetale e animale. Ancora – prosegue Procacci – lascia sgomenti la previsione del taglio coattivo dei boschi che si trovano su terreni privati in cui il turno di taglio inaccettabilmente imposto sia stato superato, e sui boschi di cui non sia stato individuato un proprietario: una previsione, questa, che viola la Costituzione, il principio di proprietà privata e anche quella tutela del paesaggio che la Suprema Carta ha inteso affermare. Il nostro Paese non meritava questa ultima ferita che ci auguriamo sia sanata in nome del bene comune e che chiederemo sia cancellata quanto prima nelle sedi competenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News