Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Novembre - ore 12.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Duecento in piazza: "Se basta una foto per licenziare un dipendente..." | Foto | Video

Sciopero e corteo dei lavoratori Acam Ambiente per il caso della lavoratrice cacciata dal posto di lavoro. Ghiglione: "Fatto senza nessun confronto". Ghini: "Su queste basi diventerebbe una paura lavorare".

contestato casati
Duecento in piazza: "Se basta una foto per licenziare un dipendente..."

La Spezia - Duecento lavoratori di Acam Ambiente hanno risposto all'appello di mobilitazione fortemente voluto da Cgil e Uiltrasporti per il caso della lavoratrice licenziata. Un tema scoppiato lo scorso 14 settembre sulle pagine di Città della Spezia, caratterizzato da forti tensioni e da una spaccatura sindacale, confermata una volta di più dall'assenza di questa mattina della Cisl. "Al di là del caso specifico che merita la nostra attenzione la cosa che ci lascia interdetti dell'operato di Iren sta proprio nel metodo di questo licenziamento - attacca Lara Ghiglione, riconfermata pochi giorni fa alla guida della Camera del Lavoro spezzina -. Senza nessun confronto con le parti sindacali, anche per cercare una mediazione poichè essere arrivati al licenziamento è assolutamente sproporzionato rispetto a ciò che si contesta. Ma in ogni caso un percorso di ascolto e il fatto che arrivi una nuova azienda e faccia questa cosa con questa modalità ci preoccupa. Iter di questo tipo non devono verificarsi qui come altrove".

Dalle assemblee alla piazza, il passo è breve e necessario secondo i sindacati. Non mancano le banane così come i cori contro l'assessore Kristopher Casati sotto una pioggia lieve che accompagna il corteo: "Così si rischia di degenerare - spiega il segretario generale Uil Liguria Mario Ghini -. Se basta una foto per licenziare un dipendente si va a fermare tutto il processo della raccolta dei rifiuti che si basa sul concetto di collaborazione. Ma su queste basi diventerebbe una paura lavorare. Siamo contro quel illegittimo licenziamento e soprattutto con questo sistema: il pugno di ferro non porta da nessuna parte e i risultati sono evidenti perché poi c'è chi in azienda si sente autorizzato a fare da giudice ed esecutore".
E vista la giornata di sciopero Acam aveva avvisato gli utenti che l'astensione dal lavoro potrebbe causare l'interruzione o lo svolgimento in forma ridotta dei servizi di Igiene Urbana e Raccolta Rifiuti e delle attività dei Centri di Raccolta e degli sportelli per gli utenti. In attuazione di quanto previsto dalla Legge e dal CCNL Fise-Assoambiente, sarà garantito il regolare svolgimento delle attività individuate come prestazioni indispensabili ed inderogaili: e cioè i servizi di raccolta in ospedali, scuole, mense, centri di accoglienza, oltre ai servizi di spazzamento nelle aree di interesse turistico, nei centri storici e nei mercati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Video

07/11/2018 - Il corteo raggiunge Palazzo civico: la protesta per la lavoratrice licenziata


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News