Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Giugno - ore 22.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Dallo studente al politico, Askfm conquista anche gli spezzini

La domanda del giorno è: "Cosa faresti se ti svegliassi e fossi l'ultimo uomo sulla faccia della Terra?". Gli argomenti delle domande sono i più vari e i giovanissimi sono quelli più affascinati dal "botta e risposta" online.

Dallo studente al politico, Askfm conquista anche gli spezzini

La Spezia - Dalla situazione sentimentale a quale gesto si compie per raggiungere un oggetto, troppo lontano, come il telecomando. Cosa fareste invece se vi ritrovaste ad essere soli sulla Terra? Questa è la "domanda del giorno" ma molto altro si trova sul social Ask.fm, la piattaforma sulla quale ci si confronta con il botta e risposta.
Fenomeno giovanile al quale anche qualche trentenne non rinuncia, forse più per curiosità che per altro. Non ci sono motori di ricerca, all'interno, ma poche strisce nelle quali si decide come e quale domanda fare. Poi, per scoprire chi dei vostri amici lo usa si possono collegare i profili degli altri social. E alla Spezia, scrittori, esponenti politici e soprattutto tantissimi studenti universitari e non si sono fatti affascinare dalla raffica di domande che si possono fare su Askfm. Si può rispondere alle domande che si trovano appena loggati oppure se ne possono ricevere dai contatti e diventano pubbliche solo nel momento in cui si decide di rispondere.
Le domande si possono fare anche in forma anonima ma appena entrati a far pare del social è la stessa piattaforma che propone le più recenti o quotate che permettono anche di intuire chi possa averle fatte. E tutte le grandi questioni arrivano da un pubblico giovanissimo, soprattutto minorenni e delle superiori, le fasce d'età insomma che stanno riscrivendo l'utilizzo di smartphone e social appunto.
Nella home page spuntano le domande più quotate e che ricordano appunto quelle questioni che ci si pongono in delicate fasi della vita: il passaggio dall'adolescenza all'età adulta con il classico "Qual è lo scopo della tua vita?, oppure "Le cose che ti infastidivano qualche anno fa, adesso ti fanno lo stesso effetto?". Ma su Askfm ci sono argomenti anche più leggeri quali: "Qual'è il tuo gusto preferito di gelato?" oppure la già citata: "Cosa fai quando il telecomando è troppo lontano?" Le domande a disposizione rimangono online per diverse ore e allo scadere vengono cambiate. Poi a seconda dei contatti che si hanno si ricevono domande singole e da questo punto di vista le ragazze non nascondono una certa audacia, toccando anche picchi di romanticismo/"piacioneria" della serie: "Tuo padre era un ladro? Perchè deve aver rubato due stelle dal cielo e avertele messe al posto degli occhi". Da una ricognizione veloce, la piattaforma non ospita particolari orrori grammaticali degni dell'ormai ultradenunciato "analfabeta funzionale". Ma chissà, per stanarne qualcuno magari bisogna avere solo qualche contatto in più. La generazione social è fatta anche così.
Ironia a parte, Ask.fm, come tutto ciò che è Internet e condivisione in tempo reale viene visto un po' come un rischio. Ma si sa l'età su certe cose fa sempre la differenza. L'alienazione da social e l'incapacità di comunicare nella vita reale sono malanni della società sulla quale sociologi e analisti cercano di trovare una risposta. La ricetta è la prevenzione, l'esposizione ai social per i giovanissimi è sostenibile solo con un gran lavoro da parte degli adulti che li devono seguire. Devono diventare meno tradizionalisti e più "smart". Ma anche questo non è una novità, da anni infatti nelle scuole spezzine con la Polizia postale sono attivi numerosi percorsi per far capire ai ragazzi che un commento può essere un'arma e agli adulti che uno schermo non può essere considerato un filtro sufficiente quindi il fenomeno va conosciuto e approfondito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure