Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 00.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Da Paolo VI in poi, le tappe della beatificazione di Itala Mela

Da Paolo VI in poi, le tappe della beatificazione di Itala Mela

La Spezia - Che l’esistenza terrena di Itala Mela si fosse chiusa anzitempo, ad appena cinquantadue anni di età, secondo l’espressione popolare “in odore di santità”, alla Spezia, lo si era capito subito. Il giorno stesso dei funerali, prendendo la parola per un primo ricordo della scomparsa, il presidente diocesano di Azione cattolica Aldo Bellotti aveva detto testualmente: “Non sappiamo se dobbiamo pregare per lei o pregarla di intercedere per noi”. Sette anni dopo, nel gennaio 1965, Papa Paolo VI, ricevendo in udienza privata il vescovo Giuseppe Stella, gli raccomandò in prima persona di avviare la causa di beatificazione: “Istruite presto il canonico processo informativo – disse al vescovo, come questi ricorda nelle sue memorie –, finché sono in vita i testimoni diretti !”. Montini, del resto, che era stato assistente nazionale degli universitari cattolici, conosceva Itala Mela sin dagli anni Venti, gli anni della sua militanza nella Fuci, e già nel 1943 ne aveva parlato con Stella, in procinto di venire alla Spezia, definendola “un’anima ricca di una spiritualità genuina e soda”. Il vescovo non trascurò davvero le sollecitazioni del sommo pontefice, e il 29 aprile 1968, nell’undicesimo anniversario della morte di Itala, aprì con proprio decreto il processo informativo per la causa di beatificazione. L’apposito organismo giudiziale procedette negli anni seguenti ad ascoltare ed a verbalizzare il giudizio di circa un centinaio di persone, oggi quasi tutte scomparse. La prima fase del processo si concluse quindi, in termini positivi, il 21 novembre 1976, nella solennità di Cristo Re. Da un anno alla Spezia c’era un nuovo vescovo, Siro Silvestri, al quale toccò il compito di procedere nelle tappe successive. Il 20 luglio 1979 la sacra congregazione per le Cause dei santi formulò il proprio giudizio sugli scritti di Itala, racchiusi in ben quarantadue volumi, concedendo il prescritto nulla osta. Fu sotto l’episcopato di Silvestri che l’8 ottobre 1983, dopo un triduo di preparazione nelle due parrocchie dei Santi Giovanni ed Agostino e di Cristo Re, avvenne la traslazione della salma dal cimitero urbano alla cripta della cattedrale, nel sarcofago che la racchiude tuttora. Il 28 maggio 2002, a Roma, il relatore della causa, il francescano padre Cristoforo Bove – che fu relatore anche per san Pio da Pietrelcina e che si è spento sette anni fa, nel 2010 – depositava in congregazione le oltre ottocento pagine della “Positio super vita, virtutibus et fama sanctitatis”. Negli anni seguenti venne esaminato il miracolo avvenuto alla Spezia nel 1999 per intercessione della serva di Dio, che “Spezia 7” ha illustrato nel dettaglio domenica scorsa. Da allora è cominciata l’attesa per il momento conclusivo della beatificazione, che ora è giunto. Nel frattempo, in occasione del convegno nazionale della Chiesa italiana, tenutosi a Verona nell’autunno 2006, Itala Mela venne scelta come uno dei “testimoni del Novecento”, figure giudicate preziose per documentare il valore della presenza cristiana nel cosiddetto “secolo breve”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure