Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 27 Gennaio - ore 14.42

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Craxi, Nassiriya e 8 marzo: c'è l'ok alle novità della toponomastica

Una targa in mediateca, un cippo commemorativo e l'intitolazione dello slargo di fronte a Palazzo civico: sono le decisioni. Peracchini: "L'ex leader Psi? Fermo restando il giudizio dei tribunali, il giudizio sui politici lo scrive la storia".

Le intitolazioni
Craxi, Nassiriya e 8 marzo: c'è l'ok alle novità della toponomastica

La Spezia - Questa mattina la giunta comunale ha deliberato tre provvedimenti proposti dall’assessore alla Toponomastica, Paolo Asti. La prima delibera approvata è relativa alla posa di un ceppo commemorativo ai caduti di Nassiriya che sarà posizionato all’interno dell’omonima piazza. Un gesto che vuole rendere omaggio alle 50 vittime di cui 25 italiane cadute nell’attentato del 12 novembre 2003 durante la guerra d’Iraq. In quell’occasione persero la vita, tra gli altri, 12 carabinieri, 5 militari dell’esercito e due vittime civili.

La seconda delibera approvata è l’intitolazione "Largo 8 Marzo" nell’area, già piazza Europa, di fronte al Palazzo comunale e delimitata da Via 24 Maggio che ha ricevuto il preventivo nulla osta della commissione toponomastica.
Ultimo provvedimento deliberato è il posizionamento di una targa commemorativa nell’ex Cinema Odeon, oggi Mediateca Regionale "Sergio Fregoso", dedicata a Bettino Craxi in occasione del 20° anniversario della morte. Proprio nell’ex Cinema Odeon, infatti, il leader socialista svolse il suo ultimo intervento pubblico in Italia.

"La toponomastica ha un valore prezioso nell’economia delle azioni di un’amministrazione comunale, perché è uno strumento con cui si veicola non soltanto la conoscenza della storia della propria Città ma anche si misura il senso democratico della comunità cui si appartiene – dichiara il sindaco Pierluigi Peracchini –. Per questo abbiamo voluto dedicare un ceppo commemorativo ai caduti di Nassiriya, un luogo di riflessione sul valore della vita umana e di omaggio ai militari italiani e civili caduti vittime in quel grave attentato. E proprio sul valore sia democratico sia storico voglio porre l’accento sulla scelta di dedicare una targa in memoria dell’ultimo discorso che Bettino Craxi tenne in Italia alla Spezia presso l’ex Cinema Odeon nel 1992. Craxi è stato uno dei personaggi politici italiani più influenti nella storia repubblicana e che ha lasciato un segno profondo nella storia del riformismo. Fermo restando il giudizio dei tribunali, il giudizio sui politici lo scrive la storia: a vent’anni dalla morte di Craxi bisogna avere il coraggio di lasciarci alle spalle i pregiudizi ideologici e discernere tra l’errante e gli errori, senza avere la presunzione di correggerli o perseguirli, ma guardare con onestà intellettuale alla qualità politica di quegli anni. Non meno rilevante è il largo intitolato all'8 marzo - conclude il sindaco - un monito più che una commemorazione perché tutti dobbiamo essere in prima linea e al fianco delle donne nella conquista dei diritti sociali ed economici, e a combattere le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto".

"Con questa ultima delibera - ha dichiarato l’assessore Asti - l’amministrazione, in particolare modo il sindaco Peracchini, compie un atto di civiltà e offre lo spunto per cominciare a distanza di 20 anni dalla morte di Craxi, una riscrittura della storia scevra dalla violenza e dall’accanimento che nel corso degli anni si è dimostrata nei confronti di tutta una classe dirigente che ha fatto parte della cosiddetta prima repubblica. Non è una assoluzione post mortem nei confronti di Craxi - conclude Asti - ma solo un gesto in ricordo e in favore di un dibattito che anche il recente film Hammamet ha riacceso nel Paese. L’intitolazione di 'Largo 8 Marzo', inoltre, rappresenta non solo un importante riconoscimento alla Giornata Internazionale dei diritti della donna ma anche il mantenimento di una promessa che era stata fatta nei mesi precedenti e il compimento di un percorso tutto al femminile iniziato con Ketty La Rocca e Oriana Fallaci".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News