Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Ottobre - ore 21.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Confsal e Fials: "Oss non tutelati, per difenderli non lasceremo nulla di intentato"

"andrà chiesto conto degli sperperi"
Confsal e Fials: "Oss non tutelati, per difenderli non lasceremo nulla di intentato"

La Spezia - “I lavoratori Oss dipendenti di Coopservice che, per effetto di uno sconveniente quanto dispendioso appalto ormai ventennale, prestano la loro attività in ASL 5, devono avere garantiti internalizzazione e mantenimento del posto di lavoro all’interno dell’Azienda Sanitaria: tale deve essere il giusto riconoscimento dell’impegno professionale dimostrato in questi lunghi anni e, non ultimo, per il prezioso contributo apportato durante l’ancora attuale emergenza Covid-19, nonostante, in quanto evidentemente figli di un dio minore, non siano tutelati appieno nello svolgimento della loro attività rispetto ai rischi di contagio”. E' quanto si legge in una nota delle segreterie Confsal e Fials servizi firmata da Luciana Tartarelli e Alessandro Podestà.
“Confsal e Fials Servizi, fin dall’inizio della vertenza occupazionale – si legge nella nota - si sono battute per la salvaguardia del posto di lavoro di detti operatori bussando insistentemente, ad ampio spettro, a tutte le porte istituzionali, politiche e sindacali, avanzando proposte concrete e risolutive spesso sottovalutate, non considerate o denigrate da gran parte degli interlocutori, alcuni dei quali, per effetto dell’altalenante unità sindacale, quando conveniente, scopriamo oggi averle fatte loro propagandandosi pionieri di varchi aperti e percorsi già tracciati”.
“La costituzione di una società in house a capitale pubblico – prosegue la nota -, che permetta la stabilizzazione di circa 250 lavoratori spezzini, tra Oss e ausiliari, e la reinternalizzazione di servizi essenziali per la sanità locale, deve necessariamente rappresentare il miglior ultimo atto del teatrino politico e istituzionale che ci ha intrattenuti per quasi due anni: gli attori attuali, ma anche quelli futuri frutto dell’imminente tornata elettorale, hanno l’obbligo morale e istituzionale di portare positivamente a termine questo lungo percorso in modo da restituire dignità ai lavoratori, serenità e sicurezza economica alle famiglie, servizi di qualità all’utenza e oculatezza nella gestione ed impiego del denaro pubblico”.
“Al fianco dei lavoratori e dei cittadini Confsal e Fials Servizi sostengono inoltre che, ad ognuno per il proprio livello di responsabilità, dovrà essere chiesto conto dello sperpero di denaro perpetrato per quasi 20 anni, pratica questa che continua indisturbata, come dimostra anche la recente spesa di Asl 5 di 93 mila euro per attività extracontrattuali prestate da Coopservice per i soli due mesi di maggio e giugno 2020 – concludono -. E’ ferma intenzione continuare, nel modo più incisivo possibile, la lotta in difesa dei posti di lavoro anche a garanzia di servizi di qualità al cittadino senza sprechi di risorse economiche e professionali. Non lasceremo nulla di intentato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News