Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 22 Settembre - ore 17.46

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Confcommercio: "Lo street food alla Morin penalizza chi lavora tutto l'anno"

I presidenti di Fipe e Fida, Bauticchi e Arioli: "I commercianti del centro vengono penalizzati da questo tipo di eventi che drenano soldi fuori dalla città. Sì alla rivitalizzazione, ma non sulle nostre spalle".

Attacco alla sei giorni
Confcommercio: "Lo street food alla Morin penalizza chi lavora tutto l'anno"

La Spezia - "A spazzare le speranze della festa del patrono San Giuseppe ci ha pensato l’inclemenza del tempo. Eppure, recita il decalogo del commerciante, verranno feste migliori. E Pasqua è occasione ambita perché il centro storico veda destarsi i registratori di cassa dal letargo di un inverno e di una crisi che sembrano non aver fine. Porte aperte, allora! Uova di cioccolato sugli scaffali, cartelle delle tasse nel cassetto e ricerca di un sorriso nascosto in qualche meandro di un’attività sempre meno facile e remunerativa. A rompere le uova nel paniere – e mai esclamazione fu più pasquale – la notizia che, proprio nei giorni della festa, arriveranno da ogni dove camion super attrezzati a somministrare alimenti e bevande sul lungomare".
Esordisce così Marco Buticchi, presidente della Federazione italiana pubblici esercizi della Spezia, nello sfogo che prende di mira l'amministrazione comunale e l'organizzazione di "Street Food Gnam", la manifestazione incentrata sul cibo di strada che si svolgerà dal 29 marzo al 2 aprile in Passeggiata Morin.

"Finita la festa, recita un adagio, gabbato lo santo: il commercio spezzino - prosegue Buticchi - resterà con porte aperte, colombe farcite impilate, tavoli dei ristoranti imbanditi e cartelle delle tasse da pagare. Ci piace sempre ricordare che le città vivono e risplendono di luci ogni giorno anche grazie all’attaccamento al lavoro di tutti quelli che aprono la saracinesca al mattino e pazientemente aspettano il dì di festa per vedere la sacrosanta remunerazione al loro sacrificio. Una migliore programmazione degli eventi, una maggiore attenzione sul rispetto delle norme e un minimo e democratico consulto con gli addetti ai lavori avrebbero evitato l’ennesimo colpo basso alle attività commerciali spezzine. Ci auguriamo che ciò avvenga in futuro per offrire ai nostri concittadini una città ‘aperta’ e luminosa in ogni giorno del calendario. Feste comprese. Lo sanno bene anche i bambini: non c’è peggior giornata che una festa rovinata".

Il mancato coinvolgimento e l'ubicazione della manifestazione al di fuori del centro cittadino sono dunque le lamentele del presidente spezzino di Fipe Confcommercio, al quale si affiancano le critiche di Cesare Arioli, presidente spezzino della Federazione italiana dettaglianti dell'alimentazione.
"Volevo complimentarmi con l'assessore al Commercio Brogi per la brillante trovata di una settimana di street food alla Morin - scriveva ieri ironicamente sul suo profilo Arioli -. Malgrado a suo tempo lo avessi consigliato di mitigare il numero di eventi sempre improntati sull'alimentare ed eventualmente spalmarli sulla città tutta e non in una sola zona (credo che anche il Comitato eventi da lui convocato glielo avesse detto), il nostro assessore ha tirato dritto e ha concesso ben sei giorni di street food sulla passeggiata Morin a mezzi che vengono da fuori Spezia, drenano il poco denaro ancora esistente nelle tasche dei cittadini e se ne vanno senza, come dice la pubblicità, "pulire il water". Faccio presente all'assessore responsabile del commercio, che in città esiste una rete di negozi, bar, ristoranti, pizzerie, paninoteche, wine & food in tutto il perimetro comunale che è aperta 12 mesi all'anno, paga affitti, dà luce alle vie, dà lavoro ai titolari e ai propri collaboratori, presidia il territorio, contribuisce con il pagamento delle tasse alle casse del Comune, garantisce un servizio costante alla comunità oltre a spendere quei pochi soldi nella propria città. Siamo d'accordo che la città deve vivere e rifiorire, ma non sulle nostre spalle. Ricordo che quando ci sono questi eventi sull'alimentare i nostri già esigui incassi si assottigliano ulteriormente. Grazie se nel futuro sarà più attento... l'attenuante unica: non le hanno dato o non ha letto il libretto delle istruzioni per l'uso", conclude caustico Arioli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News