Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 15.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Centoventicinque casi di bullismo nelle scuole spezzine

Scarsa conoscenza del corretto uso dei social e mille bigliettini nei quali i ragazzi hanno raccontato il loro disagio.

lotta alla violenza
Centoventicinque casi di bullismo nelle scuole spezzine

La Spezia - Venticinque classi. Cinque casi di bullismo in ognuna. Un dato allarmante emerso questa mattina durante la presentazione delle attività dedicate al decennale del Centro antiviolenza Irene che si terranno il 25 e il 26 maggio al Parco della Maggiolina (leggi qui).
Il quadro è stato messo a fuoco durante il lungo percorso che lo Spezia calcio femminile, assieme al Comune della Spezia e al Centro antiviolenza, ha portato avanti nel corso dell'anno scolastico per sensibilizzare i ragazzi delle scuole (dalla primaria alla secondaria) nei confronti di un tema delicato come la violenza di genere. L'iniziativa che ha portato a questo quadro è "Palla alle donne contro ogni violenza" e la leva che ha fatto sbloccare alcuni ragazzi è stato un foglietto bianco.
"Tutto il lavoro - ha spiegato l'assessore Giulia Giorgi - è stato calibrato in base alle età, alle classi e accompagnato con documenti multimediali e testimonianze. Molti ragazzi non avevano conoscenza degli effetti di una foto postata. Spesso commettono questi gesti senza comprendere che possono causare danni gravissimi. Quando abbiamo porto loro i foglietti bianchi per raccontare cosa fosse la violenza si è aperto un mondo".
"Abbiamo quantificato almeno cinque casi di bullismo 'schietto' in ogni classe che abbiamo frequentato - ha aggiunto Zanotti dello Spezia calcio femminile -, non di violenza familiare e purtroppo in due casi particolari, due persone ci hanno raccontato che in preda alla disperazione hanno pensato anche di compiere un gesto estremo. Abbiamo raccolto mille bigliettini. Il progetto crescerà e l'anno prossimo cercheremo di coinvolgere ancora più classi. Tutte queste frasi saranno raccolte in un libro e la più bella verrà incisa sulle installazioni presenti in città".

Dunque quello che emerge è che nell'era dei social e degli strumenti alla portata anche dei più piccoli la conoscenza è scarsa ed è possibile che produca effetti pericolosi. "Esistono veri e propri decaloghi per comprendere gli effetti dei social e del cyberbullismo - ha detto Sara Madiai del Centro antiviolenza Irene -. Gli alunni e gli studenti con i quali ci siamo confrontati hanno imparato qualcosa di nuovo e ad essere più responsabili".


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News