Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Dicembre - ore 00.03

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Cent'anni fa divenne l'eroe della Spezia, un appello per rintracciare i parenti

Lorenzo Gandolfo rimase ucciso nel 1916 nell'esplosione del pontile Pirelli insieme a centinaia di altre persone, salvando la vita ad altrettante. Il suo paese natale lancia un appello: "Se esistono parenti in vita si facciano avanti".

Cent'anni fa divenne l'eroe della Spezia, un appello per rintracciare i parenti

La Spezia - E' tuttora ricordato come un eroe, tanto da intitolargli la scuola media dal cui cortile sabato partirà una processione, subito dopo l'alzabandiera e l'inno di Mameli. Tutti in corteo fino al cimitero del paese di Castellucchio, 5mila anime alle porte di Mantova, dove gli alunni leggeranno alcune poesie scritte per ricordarne il gesto eroico che salvò tante vite. Ci sarà una rappresentanza della Marina militare, ci sarà la banda, ma forse mancherànno i discendenti del capitano di corvetta Lorenzo Gandolfo, che un giorno di 99 anni fa sacrificò la sua vita per evitare la distruzione di un pezzo della città della Spezia.
Lo scoppio del pontile Pirelli avvenne il 3 luglio del 1916 nel quartiere di Pagliari e le vittime furono un numero imprecisato, quantificabile nell'ordine di qualche centinaio. Militari, civili, residenti, passanti, lavoratori del porto e bagnanti: tutti travolti da una tremenda onda d'urto che scagliò i corpi sui tetti delle case e sui platani di Via San Bartolomeo. Alcune delle vittime non furono invece mai più ritrovate. Una scena apocalittica, come la città avrebbe conosciuto tre decenni più tardi con i bombardamenti della guerra.

Ecco quanto battè l'Agenzia Stefani quella sera: "nelle adiacenze del porto della Spezia, una scatola di polvere causò l’incendio di tre carri ferroviari carichi di esplosivi. Si hanno da lamentare parecchie vittime e danni materiali ai fabbricati adiacenti al luogo dello scoppio. Si è recato alla Spezia il Sottosegretario di Stato italiano per le munizioni, generale Dall’Olio per stabilire le cause dello scoppio e ricercare eventuali responsabilità". Se furono solo tre i carri esplosi lo si deve proprio a Gandolfo, che coordinò il disperato tentativo di circoscrivere il fuoco che ormai lambiva il treno.
"Accorreva prontamente e radunava militari e maestranze al pontile delle munizioni presso lo stabilimento Pirelli, sul quale erano parecchi vagoni carichi di esplosivi e uno di razzi che si era già incendiato. Conscio del grande pericolo che correva, con mirabile sangue freddo e giusto intuito, provvedeva ad organizzare opera di salvamento, cercando di spegnere l'incendio e di staccare i vagoni non ancora incendiati, fulgido esempio di eroismo ai dipendenti; e mentre attendeva a quest'opera mercé la quale si evitava disastro assai maggiore, cadeva gloriosa vittima della sua gloriosa abnegazione per lo scoppio avvenuto in vagoni isolati", questa la motivazione con cui la Regia Marina lo insignì della medaglia d'oro.

Una storia ricordata da un monumento ai caduti installato al cimitero dei Boschetti esattamente 13 anni dopo le esquie che videro la città fermarsi: "Il grandioso corteo funebre passò fra due fitte interminabili ali di pubblico commosso e referente. I negozi, gli uffici, si chiusero subito in segno di lutto. Da molte finestre pendevano bandiere a mezz'asta", scriveva iIl Popolo in quei giorni. Per il resto, una storia quaisi dimenticata alla Spezia, ma non a Castellucchio dove il capitano è sepolto e che si prepara a rendere omaggio al caduto. "Ci piacerebbe avere i parenti come ospiti d'onore, ma fino ad ora non siamo riusciti a trovarli", è l'appello lanciato dai quotidiani mantoviani dall'assessore alla Cultura Mario Pieropan in queste ore. Chi avesse informazioni può chiamare il Comune di Castellucchio allo 03764343223.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








VIDEOGALLERY

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News