Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Gennaio - ore 13.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Casapound a Pegazzano: "Sull'immigrazione questa giunta è come la precedente"

Il presidio a Pegazzano
Casapound a Pegazzano: "Sull'immigrazione questa giunta è come la precedente"

La Spezia - "Quella approvata dalla giunta comunale è una delibera anti-italiana. Gli interessi lavorativi degli spezzini non vengono tutelati. Questa amministrazione aveva promesso di cambiare le cose in tema di immigrazione, invece, una volta insediata, sta facendo come quella precedente". Megafono alla bocca il responsabile provinciale di Casapound Francesco Carlodalatri tiene un breve comizio mentre i fumogeni colorano l'aria all'incrocio tra Via Zara, Via di Murlo e Via Sauro. Poche decine di metri più in là, c'è la Cittadella della Pace, la struttura gestita da Caritas che ospita decine di richiedenti asilo (leggi qui). Come era avvenuto un anno fa il bersaglio della manifestazione di Casapound sono loro: gli immigrati. Ma questa volta nel mirino c'è anche l'amministrazione guidata dal sindaco Pierluigi Peracchini, rea di aver approvato il documento con il quale il Comune aderisce al progetto di integrazione dei migranti proposta da Maris e Caritas, impiegandone una dozzina per lavori di piccola manutenzione.

"Solo tre assessori (leggi qui) non hanno votato a favore (il riferimento è ai tre leghisti della giunta, Lorenzo Brogi, Gianmarco Medusei e Giulia Giorgi, che hanno lasciato la seduta prima del voto - Ndr), non possiamo accettare una cosa del genere. Progetti di questo tipo devono essere realizzati per i nostri ragazzi, invece che per persone che non hanno dimostrato di avere diritto di stare in Italia e che si sono rese protagoniste di atti di criminalità. Su altri temi siamo soddisfatti dal lavoro dell'amministrazione e non abbiamo avuto nulla da dire, ma questa volta abbiamo ritenuto di dover dire la nostra", ha proseguito Carlodalatri, prima che venissero intonati i cori "Siamo noi, siamo noi, scudo e spada dell'Italia siamo noi" e "Spaccio, degrado, criminalità: questa integrazione sta uccidendo la città".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News