Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 03 Marzo - ore 00.11

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Canessa: "Prenotazioni vaccino, perché i Comuni non lavorano in modo omogeneo?"

"Serve coordinazione con Asl"
Pieraldo Canesa

La Spezia - La campagna vaccinazioni anticovid per Over 80 inizierà a metà febbraio. ASL 5 sta spingendo per organizzare la vaccinazione anti covid nella categoria over 80 in collaborazione con i vari comuni. Questa è una buona notizia.È una organizzazione complessa e per prima cosa è necessario avere i luoghi nei vari comuni dove vaccinare e sapere i nominativi di coloro che aderiscono, ricordando che aprire ogni flacone del vaccino Pfizer necessita di 6 vaccinati in contemporanea e il vaccino Moderna ne necessita 10.
Notiamo con stupore che nei comuni l’organizzazione non è uniforme, seppur la data entro cui aderire pare essere sempre il 31 gennaio.
Ad Arcola il Sindaco ha fatto avere una lettera con varie possibilità per aderire: con mail, a mano all’ ufficio URP, con numero verde. Questo non sta comunque prevenendo code all’ aperto per la consegna, dato che da ogni persona che porta la lettera di adesione è richiesta una firma.
A Sarzana si può aderire portando a mano il modulo e aspettare in fila davanti ai Vigili: apertura 3 ore al giorno per 5 giorni (!!!). Questo ha comportato l’ obbligo di fare la fila con assembramento 2 giorni fa. ieri alle ore 11.30 solo 10-15 minuti di coda.

Domande: perché i comuni non hanno adottato le stesse modalità con percorsi che non prevedano la presenza e l’ obbligo di uscire in questi giorni freddi invernali? Perché i Comuni non provano a lavorare in modo omogeneo? Perché obbligatoria la firma? Una cassetta dove mettere la lettera senza obbligo della firma? Auspichiamo una reale coordinazione fra ASL e comuni con modalità omogenee e una semplificazione della burocrazia.
Segnaliamo il problema degli invalidi non deambulanti a cui andrebbe dedicata una organizzazione perfetta: domicilio (difficile con questi vaccini) o ricorrere alle Pubbliche Assistenza e prevedere un accompagnatore.

Dr. Pier Aldo Canessa per Manifesto per la Sanità locale

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News