Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Novembre - ore 15.26

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Calano le interruzioni volontarie di gravidanza, ma la media è sempre alta

Alta l'incidenza di aborti per le giovanissime tra i 15 e i 19 anni. Se n'è parlato nel corso di una commissione sulla prevenzione primaria.

Calano le interruzioni  volontarie di gravidanza, ma la media è sempre alta

La Spezia - La Liguria ha la maglia nera per le interruzioni volontarie delle gravidanze ma a preoccupare è l'incidenza delle adolescenti che si ritrovano alle prese con una maternità inaspettata. Alla Spezia su un campione di mille ragazze tra i 15 e i 19 anni almeno 7 si sono sottoposte ad un'interruzione di gravidanza.
Questo è solo uno dei dati emersi nel pomeriggio nel corso di una commissione consiliare sul tema della prevenzione primaria. Nel corso della seduta sono stati messi in evidenza alcune criticità sullo stato di salute degli spezzini. Uno dei mali più grandi è la sedentarietà, uno spezzino su 3 non fa attività fisica nemmeno 10 minuti al giorno, mentre per quanto riguarda la prevenzione di malattie come il diabete la Spezia è tra le migliori in fatto di monitoraggio.
A destare particolare attenzione però rimangono le fasce dei giovanissimi ad esempio le prime sigarette si fumano tra i 13 e i 15 anni (CDS ne aveva già parlato qui). Aumentano le giovani fumatrici ed entro i 15 anni molti adolescenti di diventano tabagisti abituali.
Oltre a questa nota dolente è stato messo in evidenza che tra molti giovanissimi, con una sessualità sempre più precoce, sia molto diffusa la pratica dei rapporti non protetti con una certa incidenza delle malattie sessualmente trasmissibili (tra le più comuni la clamidia che senza le dovute cure può portare alla sterilità).
Con i rapporti non protetti si presenta anche la questione delle gravidanze non desiderate che possono portare, talvolta alla loro interruzione. Andando nel dettaglio, con i dati forniti in commissione e aggiornati al 2014, alla Spezia la media è di 7.2 ogni mille giovani tra i 15 e i 19 anni.
La media ligure si attesta a 8.8 donne nella suddetta fascia di età e ricorrono all'interruzione volontaria di gravidanza, mentre la media nazionale corrisponde a 5.1.
In commissione è stato specificato che per la provincia spezzina il dato nel 2015 avrebbe iniziato a calare arrivando al 6.7 per mille come riporta Istat.

Se il calo è stato sensibile con i dati aggiornati al 2016, pubblicati a maggio di quest'anno e riportati da Repubblica online, la Liguria rimane in testa in Italia per l'interruzione di gravidanza farmacologica. Infatti su 2669 interruzioni volontarie di gravidanza, nel 2016, 1148 sono praticate attraverso l'assunzione della Ru486, ovvero per via farmacologica. Si tratta, per la Liguria, del 43,01% del totale di Ivg. Alla Spezia il 64,84% delle interruzioni praticate per via farmacologica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure