Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 27 Settembre - ore 14.31

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Biodigestore e rischi per i pozzi di Fornola, comitati offrono acqua e ammoniaca

domani gazebo alla spezia

La Spezia - "Alla Spezia c’è chi è convinto che un eventuale inquinamento della falda acquifera del Magra a seguito di un possibile incidente al biodigestore di rifiuti organici, che Iren vorrebbe costruire a Saliceti, non riguarda la città capoluogo. Ne è ad esempio convinto l’assessore all’ambiente Kristofer Casati, che in consiglio comunale a novembre ebbe a dire che il Comune non attinge dai pozzi di Fornola alimentati da quella falda. Di diverso parere è, ad esempio, il direttore di Acam Acque, ingegner Fincato, che nella sua presentazione all’Atlante degli acquiferi realizzato dall’università di Genova con sei anni di rilevamenti e pubblicato nel 2009 dalla società di via Picco, allora interamente di proprietà pubblica, metteva in guardia dalla vulnerabilità della falda e dal rischio di perdere l’unica risorsa potabile per 150.000 spezzini".

Per richiamare la sensibilità degli spezzini al problema "del grave rischio d’inquinamento della falda" i comitati No Biodigestore Saliceti, Sarzana, che botta!, Acqua Bene Comune e le associazioni Legambiente, Italia Nostra, Cittadinanzattiva hanno organizzato per domani mattina dalle 9 alle 13 un presidio tra via Fratelli Rosselli e via Prione per documentare con cartelloni e un volantino "sul rischio a cui l’approvazione dell’impianto da 90.000 tonnellate di rifiuti organici (60.000 provenienti da Genova) esporrebbe la falda xel Magra che alimenta i pozzi. Ai cittadini verrà anche simbolicamente offerta acqua attinta da una brocca dove saranno diluiti 5 milligrammi di ammoniaca".

"Il rischio d’incidente non è stato escluso neppure nella consulenza attivata da Recos. Il professor Ronchetti dell’università di Reggio Emilia, in uno studio durato cinque mesi, sostiene che l’inquinante verrebbe diluito dalla portata della falda. Il professor Raggi, uno degli studiosi più accreditati del Magra, ha replicato che è come affidare la potabilità dell’acqua degli spezzini a Madre Natura: la percentuale di diluizione dipenderebbe dalla portata della falda". Dopo il primo appuntamento di ieri (QUI) questa sera alla sala della Repubblica di Sarzana i comitati incontreranno nuovamente i candidati alle prossime regionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News