Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Marzo - ore 21.57

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Atc, sospeso lo sciopero. I sindacati: "A fine marzo vedremo il da farsi"

Quattro delle sei sigle che avevano indetto la protesta per l'8 marzo decidono di prendere per buone le promesse e le tempistiche dell'azienda. E di fatto danno l'ultimatum al cda.

Dopo la lettera di Masinelli
Atc, sospeso lo sciopero. I sindacati: "A fine marzo vedremo il da farsi"

La Spezia - E' sospeso lo sciopero di 24 ore che tutti i sindacati di Atc Esercizio avevano indetto per la giornata di venerdì 8 marzo. Nel corso della giornata un volantino con i loghi di Filt Cgil, Uiltrasporti, Cobas e Ugl è stato distribuito tra i i dipendenti per spiegare la decisione. Non aderiscono alla sospensione della protesta Fit Cisl e Faisa Cisal, che avevano sottoscritto l'indizione dello sciopero inviata all'azienda, alla prefettura e alla commissione di garanzia venerdì scorso.

Le ragioni del ripensamento risiedono nell'accoglimento delle argomentazioni che l'amministratore delegato Francesco Masinelli ha diramato nei giorni scorsi (leggi qui). Una mossa ammantata di ironia, con la quale i sindacati sottolineano più volte che attenderanno che tutte le promesse dell'azienda si concretizzino "entro marzo", come spiegato dall'amministratore delegato. Come a dire: se non avremo un quadro chiaro e condivisibile entro la fine di marzo, siamo pronti a proclamare nuovamente lo sciopero.
"Prendiamo per buono il contenuto della lettera di Masinelli - spiegano le sigle a CDS - e mettiamo da parte le vertenze che abbiamo in essere nei confronti dell'azienda, per lasciar lavorare serenamente i vertici. Le promesse che sono state fatte rispecchiano proprio quello che abbiamo sempre richiesto. Certo, non si sa ancora quale sarà l'entità dei tagli al servizio, ma visto che abbiamo ricevuto la garanzia che non avverranno a marzo abbiamo deciso di sospendere la protesta. Vedremo se l'azienda manterrà la parola...".

Il volantino
L'Azienda ha comunicato a tutto il personale, noi compresi, la propria "versione dei fatti" e gli impegni per il futuro. Si tratta di una lettera molto importante per il contenuto che esprime e, appunto, per le circostanziate promesse che contiene. Non desideriamo entrare in polemica in questo momento su alcuni passaggi contenuti nella lettera e sul messaggio che recepiamo in relazione alla condotta e all'azione sindacale in Azienda ma sottolineiamo che il messaggio è arrivato forte e chiaro. La lettera contiene l'impegno della presentazione, entro marzo, del piano industriale per l'affidamento del servizio in house per 10 più 5 anni, che ovviamente passerà attraverso un importante piano di investimenti per il rinnovo del parco mezzi aziendale e, come scritto chiaramente ed esplicitamente nella lettera al personale, il rispetto e la salvaguardia degli accordi aziendali e dei livelli retributivi e di inquadramento di tutto il personale.
Questo è quello che sindacato vuole!
Di fronte alla prospettiva di avere l'affidamento in house cd investimenti senza toccare i livelli retributivi ed i contratti di lavoro del personale noi ci schieriamo a fianco di questo percorso. Questa diventa A nostra battaglia comune nell'immediato (come ha scritto l'Amministratore Delegato su mandato del Cda rivolgendosi a tutto il personale la vicenda si concluderà "entro marzo") e quindi, di fronte ad una prospettiva tanto rosea per il nostro futuro, noi in questo momento ci fermiamo.
Tutta l'energia dell'Azienda deve essere rivolta al raggiungimento di questo grande risultato e noi vogliamo dare il nostro contributo facendo sì che l'Azienda possa completare il proprio lavoro "entro marzo".
In questo momento passa in secondo piano tutto il resto delle questioni aperte che possiamo momentaneamente accantonare perché tanto tutto sarà risolto "entro marzo". In questo momento giusto interrompere le riunioni del tavolo delle relazioni industriali e sospendere lo sciopero proclamato per l'8 di marzo sempre nell'ottica di lasciare lavorare serenamente l'Azienda per rispettare l'impegno preso sol personale nella lettera inviata. Nonostante i messaggi forti e chiari che riceviamo ogni giorno e che mettiamo per il momento nel cassetto, con i propri limiti e difetti questi sindacati, sia chiaro a tutti, hanno come fine e desiderio principale il bene dell'Azienda e la tutela ed il benessere dei lavoratori. Sia però ben chiaro a tutti anche che su questi argomenti non si scherza e richiediamo fin d'ora all'Azienda che, trascorso il mese di marzo, il primo giorno utile del mese successivo presenti dettagliatamente le modalità con cui si inizierà, come promesso, il servizio cori l'affidamento in house per 10 anni più 5 con l'auspicio di non dover constatare amaramente che si tratterà di un "pesce d'aprile".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News