Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Marzo - ore 18.46

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Atc disdetta i turni sindacali. Rapporti tesi tra sigle e azienda

Le parti sociali criticano la decisione unilaterale del consiglio di amministrazione. L'ad Masinelli scrive una lettera a tutti i dipendenti per tranquillizzare l'ambiente.

"Cosa ne pensa il sindaco?"
Atc disdetta i turni sindacali. Rapporti tesi tra sigle e azienda

La Spezia - L'atmosfera all'interno di Atc Esercizio è sempre più incandescente. Come se non bastasse la proclamazione di sciopero di 24 ore per la giornata dell'8 marzo (leggi qui) per protestare contro l'estromissione delle sigle nella riorganizzazione del servizio dovuta alla riduzione delle risorse a disposizione per il servizio di trasporto pubblico, nei giorni scorsi si è aperto un fronte parallelo in seguito alla decisione dell'azienda di disdettare l'accordo sui turni sindacali.
"E' un fatto gravissimo - hanno dichiarato a CDS i delegati aziendali - che non accadeva da oltre 25 anni". Secondo le sigle le motivazioni sostenute dai vertici aziendali e in particolare dall'amministratore delegato Francesco Masinelli sono deboli, perché il guadagno reale in termini di efficienza sarebbe minimo, ma quello che viene contestato maggiormente è il metodo: nessun tavolo di dialogo per una azione unilaterale che crea così un precedente che potrebbe portare ad aprire la strada a episodi analoghi.
"Questo è un comportamento antisindacale che potrebbe ripetersi con qualunque accordo in vigore. Da anni i turni sindacali venivano ridotti, con il nostro benestare, ma sempre dopo un confronto tra azienda e parti sociali - hanno proseguito -. Una cosa del genere non si deve più ripetere. La prossima volta potrebbero essere toccati gli accordi di secondo livello, sarebbe inaccettabile. Che cosa pensa il sindaco Peracchini di tutto questo?".

I vertici aziendali difendono la scelta e lasciano intendere che questa vicenda possa aver influito sulla proclamazione di sciopero inviata venerdì scorso. Ipotesi che i sindacati respingono, considerando le due vertenze su due binari differenti.
I rapporti sono decisamente tesi e la confusione all'interno dell'azienda regna sovrana, come testimonia la lettera che Masinelli ha inviato a tutti i dipendenti per spiegare la posizione di Atc Esercizio su questo e su altri temi che stanno portando scompiglio tra i lavoratori.
"Al fine di evitare sul nascere dannose strumentalizzazioni che potrebbero minare il clima aziendale e l'impegno profuso per rendere la nostra azienda nuovamente competitiva - scrive Masinelli - ho avuto mandato dal CdA di redigere una nota per porre chiarezza su alcuni terni. Vengono diffuse voci relative ad una prossima vendita di ATC a Bus Italia e si paventa il recupero di risorse economiche ricorrendo a rimodulazioni delle retribuzioni dei lavoratori. Entrambi le voci sono ovviamente notizie destituite di ogni fondamento e sono state create ad arte per ingenerare timore e preoccupazione nei lavoratori. Relativamente alla vendita occorre sottolineare che, grazie all'impegno dell'Azienda e alla disponibilità degli Enti Locali competenti, è stato sottoscritto un impegno, presentato anche alle parti sociali, con Provincia e Comune della Spezia per consegnare entro marzo, la richiesta per l'affidamento diretto del servizio per una durata di 10 anni, rinnovabile per ulteriori 5 (c.d. affidamento in house), ovvero l'esatto contrario di quanto si va asserendo. Tale richiesta dovrà essere ovviamente accompagnata da un piano industriale che dimostri la capacità, da parte della Società, di effettuare investimenti necessari a rinnovare il parco rotabile garantendo un'età media dello stesso inferiore ai 10 anni. Impegno quest'ultimo particolarmente gravoso stante la costante riduzione dei trasferimenti destinati al TPL. A tal fine, il CdA, sin dalla data del suo insediamento, ha operato per recuperare risorse economiche implementando, ad esempio, le azioni volte al contrasto dell'evasione efficientando le procedure organizzative e contrastando gli sprechi. Si rileva infine sul tema che ATC Esercizio è una società in controllo pubblico e qualsiasi "vendita-della Società dovrebbe passare attraverso una lunga e articolata procedura ad evidenza pubblica. Cid, a conferma, non solo dell'infondatezza della notizia, ma anche della mala fede e/o della scarsa conoscenza della materia da parte di chi, artatamente, la diffonde. In merito poi ad eventuali rimodulazioni delle retribuzioni spettanti ai dipendenti, merita ricollegarsi al fatto che, nei giorni scorsi, si è provveduto alla disdetta dell'accordo sindacale sui c.d. turni misti spettanti ad 8 delegati aderenti soltanto ad alcune organizzazioni sindacali con esclusione di altre. Ci preme spiegare che questo atto, seppur unilaterale, non ha alcun fine secondario se non quello di ottimizzare le risorse umane ed economiche a disposizione dell'Azienda. Esso non è in alcun modo un atto ostile nei confronti delle organizzazioni sindacali, il cui agire sarà naturalmente garantito dai permessi loro spettanti a norma di CCNL; tanto meno è un atto ostile nei confronti dei lavoratori a cui, sin d'ora, intendiamo confermare i diritti acquisiti, compresi quelli spettanti e derivanti dagli accordi di II° livello sottoscritti negli anni dall'Azienda. La Società ha semplicemente ritenuto, senza ledere i diritti garantiti alle Organizzazioni Sindacali, di procedere al recupero dei fumi sindacali loro assegnati con un conseguente ed importante beneficio in termini economici e di risorse umane. L'operazione consentirà infatti di recuperare circa 4 turni di lavoro. Ciò in applicazione anche delle più recenti normative in materia di contenimento dei costi cui sono sottoposte le società a partecipazione pubblica. Ritenendo di aver chiarito alcune incomprensioni e disponibili ad ulteriori approfondimenti, auspichiamo che tutti i dipendenti possano contribuire fattivamente a consolidare, nel più breve tempo possibile, il progetto dell'affidamento in house e a rendere la nostra Azienda all'altezza delle sfide postesi, garantendo un servizio di qualità per i lavoratori stessi e la collettività".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News