Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Febbraio - ore 22.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Asl, è scontro sulla... felpa

Il Nursind attacca l'azienda sanitaria spezzina.

Asl, è scontro sulla... felpa

La Spezia - "Felpe con logo Nursind e la caccia alle streghe in quel della Spezia è iniziata. Un atteggiamento con obiettivo decisamente repressivo in un'azienda decisamente intollerante. Asl5 da qualche tempo ha infatti iniziato una caccia alle streghe contro i dipendenti che indossano la felpa a marchio Nursind e che dietro riporta la scritta 'infermiere'. La caccia è ancora in atto ma non ha portato risultati perché questo capo di abbigliamento di cui l’azienda non si è mai interessata, non è mai stato compreso nella dotazione dei DPI e soprattutto non è presente alcun regolamento che “obblighi” il lavoratore a non indossare una giacca che non sia fornita dall’azienda stessa". A suonare la carica è Assunta Chiocca, segretario provinciale del Nursind.

Chioccha spiega che le felpe "i dipendenti hanno da sempre dovuto provvedere ad acquistarsele per tenersi al caldo e al riparo dalle intemperie, visti gli spostamenti dagli spogliatoi ai reparti e i trasporti esterni durante il turno lavorativo". Il segretario spiega che dopo la comparsa delle felpe nursind si è però alzato l’interesse "tanto che l’azienda ha improvvisamente deciso di fornire anche 1 felpa anonima di colore blu invernale per ogni infermiere e attualmente è in fase di distribuzione. Nel frattempo, nonostante la fornitura non sia ancora a regime ed il regolamento non sia stato redatto né pubblicato, la dirigenza infermieristica, capo-area e coordinatori si sono già portati avanti
ed hanno ben pensato di intimare gli infermieri a togliere la felpa del Nursind pena il richiamo, visto secondo loro, la “non regolamentare” possibilità di indossarla(??). A questo punto ci si chiede: i regolamenti che sono nella loro stessa accezione scritti...si possono anticipare con le intenzioni e considerarli già tali? Si possono quindi violare norme che ancora non esistono?
Secondo: cosa si dovrebbe indossare fintanto che l’azienda non abbia distribuito a tutti la sua felpa? Terzo, anche se è nell’esercizio del proprio potere gerarchico ed organizzativo imporre ai
dipendenti l’utilizzo di “particolari” indumenti nello svolgimento della prestazione lavorativa, tale pretesa non costituisce anche adempimento di un suo dovere ricomprendendone il lavaggio? E dunque 1 felpa basterà a coprire tutto l’inverno considerato che bisogna pur cambiarsi e le norme igieniche sulla divisa vanno obbligatoriamente rispettate?
Una felpa Nursind che porta colore nelle corsie, crea appartenenza e soddisfazione nell’infermiere e si presta a supporto e all’identificazione del personale da parte dei pazienti e di parenti... ci deve far sperare di non venir “catturati, processati, condannati e bruciati” come accadde per le 63 streghe a Wiesensteig?".

"Non può secondo noi creare un tale pregiudizio negli intenti e un tale spreco di energia l’utilizzo della felpa Nursind sulla divisa e ci teniamo invece a chiedere all’Azienda e alla dirigenza tutta, di preoccuparsi e provvedere soprattutto al riconoscimento del tempo utilizzato per indossare la divisa, che – in quanto rientrante nell’orario di lavoro – deve essere regolarmente retribuito", conclude Chiocca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News