Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Febbraio - ore 10.52

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Amianto, Murati vivi: "Situazione allucinante e le istituzioni tacciono"

L'associazione commenta i dati del sindacato dei militari e accusa il sindaco di essere protagonista di un silenzio assordante sulla vicenda della rimozione dell'eternit dal perimetro arsenalizio.

104mila metri quadrati interessati

La Spezia - "Continuano ad emergere aspetti sempre più inquietanti relativamente alla presenza di amianto in arsenale. Dopo un anno dalla richiesta dei Murati vivi, votata all'unanimità dal consiglio comunale, emerse già un quadro impressionante, dove il rischio dato dalla presenza del materiale cancerogeno comprende circa 10mila metri quadri di capannoni con presenza di eternit.
Questa è la volta del sindacato dei militari, con le parole di Luca Marco Comellini, il quale porta a conoscenza una situazione ancora ben peggiore da ciò che ad oggi si è paventato, con una probabile presenza di amianto che arriva a coprire 104mila metri, tra pavimenti, tubazioni e lastre". Lo affermano i vertici dell'associazione marolina che da anni si batte per l'abbattimento del muro dell'arsenale e per il miglioramento delle condizioni di vita per tutti gli abitanti dei borghi che si trovano a breve distanza dai capannoni e dalle banchine.

"Nonostante l'evidente gravità per la salute pubblica, l'amministrazione Peracchini non ha mosso un dito per rendere trasparente, come era invece richiesto dalla mozione votata da tutti i consiglieri comunali, un procedimento di partecipazione e di coinvolgimento per traguardare il processo di bonifica. D'altronde - proseguono i Murati vivi - la commissione Ambiente, seppur dato l'impegno del presidente Tarabugi e del dispositivo approvato, non viene convocata da tempi immemori. A oggi sarebbe troppo chiedere che Tarabugi e il sindaco portino a compimento gli impegni assunti, il primo come garante di un percorso che ad oggi è arenato nel nulla, il secondo come massima autorità sanitaria della città, il cui silenzio assordante su questa vicenda è sconcertante.

Sarebbe troppo fare fronte agli impegni assunti, chiarendo con la cittadinanza e con la Marina, con chiarezza e nessuna reticenza, quale sia l'entità di presenza della fibra killer in arsenale, di fronte alle nostre case, quali siano gli stanziamenti dedicati a tali aree dalla Marina e quali siano i tempi di rimozione", concludono da Marola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News