Città della Spezia Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 18 Febbraio - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Alternanza scuola-lavoro, gli studenti: "Non è da buttare, ma deve essere organizzata meglio"

Alternanza scuola-lavoro, gli studenti: "Non è da buttare, ma deve essere organizzata meglio"

La Spezia - Non tutto è sbagliato, non tutto è da rifare. Questa l'opinione degli studenti del Liceo artistico Cardarelli in relazione al progetto di alternanza scuola-lavoro che li vede protagonisti in queste settimane nelle aziende del territorio spezzino. Ieri mattina, di fronte alla sede di Montepertico, hanno assistito alla protesta sul tema dei militanti di Blocco studentesco, la federazione che fa riferimento a CasaPound, e abbiamo deciso di interrogarli sulla loro esperienza per comprendere quale sia la loro opinione.

"Sono contro questo progetto - racconta una studentessa che preferisce mantenere l'anonimato - perché non lo trovo utile, non dà un reale sbocco lavorativo e non aiuta lo studente a capire quello che incontra è ciò che vuole fare nella vita". "Noi ci siamo trovate bene - affermano al contrario altre due studentesse -, l'unico problema è la scarsa organizzazione".
Concorda con questa ultima posizione Alessandro: "La questione va gestita meglio: è molto più adatta per gli studenti di un istituto tecnico perché chi proviene da un liceo dovrebbe pensare di più al percorso universitario invece che all'ambiente lavorativo", rileva.
"Io sono assolutamente pro - ribatte una compagna di scuola - per il semplice fatto che l'alternanza scuola-lavoro ti può aprire tantissime porte verso una futura vita lavorativa".
"Ma è organizzata male - ribatte una ragazza - spesso gli studenti capitano in posti dove non c'è attinenza al percorso scolastico e di conseguenza si ritrovano spesso a fare delle semplici fotocopie oppure a non fare nulla".
Valerio, al contrario, si è trovato bene: "Ho lavorato, è stata una esperienza positiva e mi è servita: ho potuto percepire ciò che potrà essere in futuro il mondo lavorativo".
Parzialmente della stessa opinione Federico: "Ho riscontrato utilità in quello che facevo dal punto di vista formativo, ma non sempre. In generale sono a favore dell'alternanza scuola-lavoro perché ho potuto lavorare sulla materia che ho scelto come indirizzo a scuola".

Negativa, invece, l'esperienza di Sara, che ritiene il percorso extrascolastico intrapreso inutile: "L'ufficio aveva molto lavoro e il progetto che stava sviluppando era interessante, ma quello che mi è stato assegnato da fare era praticamente inutile. Non ho imparato niente di nuovo e il cima non era dei migliori. A tratti è stato imbarazzante".
Ottimista, nonostante le difficoltà riscontrate, Elisa: "Non ha imparato nulla. Ma se venisse fatta bene potrebbe essere una maniera intelligente di mostrare ai ragazzi come funziona il mondo del lavoro".
Positiva, nonostante tutto anche l'opinione di Rebecca: "Purtroppo abbiamo fatto poca grafica, dato il luogo nel quale siamo finite per l’alternanza scuola-lavoro, poco inerente alla materia. Però mi sono trovata bene: siamo state assecondate e il clima accogliente. In definitiva sono favorevole al progetto".
Una linea simile la tiene Leonardo: "E' utile per mettersi nei panni della figura del lavoratore. Per una settimana si fa una esperienza fuori dalla solita routine e si capisce come muoversi nel mondo del lavoro. Nonostante ciò l'alternanza scuola-lavoro dovrebbe essere svolta in luoghi inerenti ai percorsi di studi che si stanno seguendo".
Lo sbocco lavorativo è il lato positivo anche per Mariamatilde: "Sono a favore, perché secondo me è una buona probabilità per un'occupazione".

Non pochi problemi, dunque, per i ragazzi del Cardarelli che vedono però nel progetto le potenzialità di un'opportunità da mettere a frutto per prendere un primo contatto con il mondo del lavoro. A patto che l'organizzazione da parte delle scuole e delle aziende migliori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News