Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Novembre - ore 07.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Al Parco della Rimembranza la città torna in trincea

Due appuntamenti dedicati alla Grande guerra per ricordare i caduti.

i giovani dimenticati
Al Parco della Rimembranza la città torna in trincea

La Spezia - Al crepuscolo del 29 settembre la Spezia rivive il dramma delle trincee. Con una rievocazione storica, al parco della Rimembranza, la città ricorderà la Prima guerra mondiale con figuranti e momenti di battaglia. La presentazione, si è tenuta questa mattina in Comune alla Spezia, è stata presentata anche lo spettacolo "Sono io a non essere tornato", realizzato dall'associazione culturale "Iniziative musicali", che si terrà il 13 ottobre al Civico che avrà momenti profondi e toccanti perchè verranno riproposte le lettere dal fronte.
L'evento è organizzato da Comune della Spezia, Prefettura, Provincia della Spezia e Società storica spezzina in collaborazione con l'Associazione culturale circolo "La Sprugola", l'Associazione nazionale alpini della Spezia, Associazione culturale "Iniziative musicali", Unione corale, Pro loco di Pitelli, che ha curato i costumi, e la Compagnia degli Scarti. Alla presentazione hanno partecipato anche la Prefettura della Spezia, la Marina militare e l'Aeronautica, l'Arma dei Carabinieri.
Ed è stato il sindaco della Spezia a presentare l'iniziativa: "Abbiamo bisogno di ricordare questi tragici eventi che hanno segnato la nostra storia e quei figli che speravano in un futuro di pace".
La giornata del 29 settembre, quando alle 17 cominceranno le manifestazioni, sarà molto particolare perchè il Parco della rimembranza diventerà un'autentica trincea. Un attore, in costume tipico dell'epoca, sarà il Virgilio di quell'inferno.
"Il Parco della Rimembranza è il luogo deputato per il ricordo di questi nostri ragazzi - ha spiegato Claudio Falchi vice presidente della Società storica spezzina - che hanno partecipato a questa immane tragedia che ha sconvolto il mondo, per quanto poi abbia dato la coscienza di esistere. Sono stati ingoiati in un turbine di ferro e di fuoco, in un momento in cui l'orrore era all'ordine del giorno. Questi ragazzi, la maggior parte, si sono trovati in trincea inconsapevolmente perché non tutti erano interventisti. Molti non erano mai usciti dalla propria campagna oppure dalla propria regione. Le trincee sono state luoghi per la nascita di una lingua che potesse essere compresa da tutti: così nasce il linguaggio di trincea. Questi ragazzi partiti per il fronte e che non sono più tornati a casa sono stati dimenticati soprattutto nel secondo Dopoguerra. Li abbiamo lasciati nell'oblio. Se però oggi siamo gli uomini che siamo lo dobbiamo soprattutto a loro. Dobbiamo dare alla Spezia l'opportunità di ricordarsi anche di loro soprattuto quando andiamo a sederci nelle panchine del Parco della Rimembranza e farlo nostro. In questo momento il mondo deve ricordarsi del coraggio, fierezza, fedeltà e onore".

La rievocazione è affidata alla Compagnia degli Scarti. L'appuntamento sarà all'ombra dei suoi alberi che, nel lontano 4 novembre 1923, furono piantati in onore e ricordo di ogni caduto nella Grande guerra, verranno interpretati e rappresentati, ad opera di giovani attori in divisa dell'epoca, stati d'animo e momenti della vita in trincea, così come vissuti e narrati dai tanti soldati che vissero quella tragedia. La manifestazione si svolgerà alla presenza delle Autorità religiose, civili, militari e di tutte le associazioni d'Arma e sarà introdotta dall'esibizione della Banda Dipartimentale della Marina Militare. La commemorazione si concluderà sulla sommità della collina, con l'esecuzione del "Silenzio fuori ordinanza" e con l'ammainabandiera. "Sarà un momento fedele dal punto di vista iconografico. La penombra ci aiuterà, sassi e sacchi, i piedi di porco per la stesura del filo spinato gli interpreti parleranno convinti di non essere visti dal pubblico. Saremo guidati da uno di loro in veste di ufficiale di complemento che sarà l'anima dell'esercito e rivivremo i loro stati d'animo, le paure, angoscia e rassegnata serenità. Sarà particolare vivere anche un improvviso entusiasmo per il fatto solanto di essere lì per aver trovato un legame sociale tra compagni che non si aspettavano di trovare".


Il programma
Via San Francesco - Località Gaggiola - La Spezia 29 SETTEMBRE 2018



Ore 16.50: disposizione Banda Dipartimentale M.M. e rappresentanze Forze Armate nel Piazzale antistante il Parco della Rimembranza

Ore 17.00: raduno dei convenuti e ricevimento delle Autorità

Ore 17.30: esecuzione di brani musicali della Grande Guerra ad opera della Banda Dipartimentale M.M.

Ore 17.55 : saluti del rappresentante della Società Storica spezzina

Ore 18.00: interventi autorità civili e militari



Ore 18.30: INIZIO MANIFESTAZIONE

1. Un giovane attore, in divisa da ufficiale dell’epoca, accoglie i convenuti all’ingresso del Parco e li intrattiene con alcuni pensieri riguardanti il significato della Cerimonia.

2. Al termine del preambolo, l’Ufficiale guida i convenuti verso la prima Stazione rievocativa, mentre una voce fuori campo scandisce i nomi dei militari caduti.

3. Sosta alla prima Stazione rievocativa: la voce fuori campo tace, mentre all’interno di una trincea, due soldati discutono della dura condizione in cui devono vivere, dei massacri a cui assistono quotidianamente, dei loro stati d’animo.

4. Ore18.50 - l’Ufficiale fa proseguire i convenuti verso la seconda Stazione di ascolto. La voce fuori campo riprende a scandire i nomi dei Caduti.

5. Ore 19.00 - Arrivo alla seconda Stazione di ascolto - ancora interpretazione e dialoghi. Voce fuori campo termina il suo ruolo.

6. Ore 19.20 - Ripresa del cammino verso la sommità della Collina - il passaggio del corteo viene accolto dal Coro dell’Unione Corale della Spezia, disposto sulla scala che conduce al Piazzale del pennone.

7. Ore 19.30 - Raggiungimento del Piazzale, ammainabandiera con esecuzione del Silenzio fuori ordinanza e benedizione del Vescovo.

Saranno presenti nel piazzale posto sulla sommità del Parco S. E. il Vescovo, le Autorità Civili e Militari, il Picchetto d’Onore composto da un elemento per ogni Arma, i Labari delle Associazioni d’Arma.

8. Ore 19.45 - Il giovane Ufficiale consegna ai convenuti un messaggio e si ritira lungo la scala di accesso al Piazzale, scortato dai soldati in divisa d’epoca.



La manifestazione si svolgerà anche grazie al contributo della BVLG (Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana) e della Newcom Srl (Agenzia Vodafone Business).






Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News