Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Settembre - ore 20.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
56,13%
38,90%
2,42%
0,89%
0,52%
0,46%
0,24%
0,18%
0,17%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 22/09/2020 10:02:52 Sezioni 1795 di 1795

Al Cmre Nato scienziati impegnati nelle sfide poste dalla pandemia

Dalla lotta alla disinformazione sulla pandemia agli effetti dell'epidemia sui sistemi di difesa nazionale, sono in corso oltre 40 studi nell'ambito del programma Nato Science & Technology.

A San Bartolomeo
Al Cmre Nato scienziati impegnati nelle sfide poste dalla pandemia

La Spezia - Il centro Cmre della Nato presente a San Bartolomeo prosegue il suo impegno nella lotta al coronavirus. Oltre a fornire al governatore del Connecticut, Ned Lamont, il modello matematico in grado di predire l'evoluzione del contagio e quindi di far valutare con maggiori elementi la data di fine del lockdown (leggi qui), infatti, gli scienziati del Patto atlantico si stanno interrogando sulle conseguenze della pandemia sulle forze armate e su come limitarle.

In particolare al Cmre si sono posti l'obiettivo di identificare soluzioni ad alcune delle sfide scientifiche più urgenti poste dal Covid-19 e la sfida è stata lanciata tramite una call rivolta alla rete di seimila scienziati dell'Alleanza - la più grande di tali reti al mondo - e al laboratorio della Nato alla Spezia.
Sono state inviate oltre 40 risposte e le più efficaci che verranno portate avanti nel programma Nato Science & Technology.

Tra queste spiccano: comprendere meglio la disinformazione sulla pandemia e come contrastarla; mantenere in salute le forze armate durante un'operazione di soccorso in caso di pandemia; applicazione degli strumenti analitici degli scienziati della Nato alla pianificazione di future pandemie; migliore utilizzo della tecnologia per addestrare i leader militari nelle operazioni di soccorso in caso di pandemia; lezioni apprese da Covid-19 per i sistemi di difesa nazionale; la dimensione etica del supporto militare alle operazioni di soccorso in caso di pandemia.

Per molti di questi studi i risultati sono attesi entro pochi mesi. Il capo scienziato della Nato, il dottor Bryan Wells, ha dichiarato: "Questa è una risposta eccezionale da parte della rete di scienziati dell'Alleanza, che mostra come stanno rispondendo rapidamente alle sfide di Covid-19 e portando le loro competenze scientifiche a far fronte a questo compito vitale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News