Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 15 Settembre - ore 12.17

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Variante Puc sull'area Enel in giunta lunedì. E invito l'opposizione a venire a Roma con me"

Il sindaco Peracchini risponde alle dichirazioni rese dai rappresentanti della minoranza consiliare sul tema del futuro della centrale.

La replica

La Spezia - "Sulla centrale Enel l’opposizione arriva tardi con proposte all’acqua di rose: è in calendario per la giunta di lunedì prossimo una variante al Puc che vincola Enel in modo molto concreto, al di là degli slogan, che sarà poi vagliata dal consiglio comunale. Una variante fondamentale per la tutela degli spezzini che costringe Enel a concordare con il Comune della Spezia la destinazione delle aree e che la vincola ad utilizzarle senza la presenza di combustibili fossili: finalmente uno stop serio al carbone dopo cinquant’anni di chiacchiere". Lo afferma il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini, rispondendo alle dichiarazioni rese oggi dai rappresentanti dell'opposizione consiliare, avanzando quattro proposte per il futuro della centrale e dell'area Enel.

"La nostra mossa però non è solo tecnica, ma anche politica: come nel primo governo Conte, anche con questo nuovo assetto politico sorretto dai Cinque stelle, Pd e Leu ho scritto lettere di congratulazioni invitando i ministri competenti in materia, ministro dell’Ambiente Costa e il ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli entrambi in quota Cinque Stelle, a visitare l’area Enel alla Spezia insieme all’amministrazione e a tutto il consiglio comunale aprendo un tavolo di confronto. Francamente - prosegue il primo cittadino - credevo che l’onorevole Orlando avesse già pensato alla questione: alla festa dell’Unità aveva annunciato che lo scorso martedì avrebbe incontrato Patuanelli proprio sulla centrale Enel e attendo fiducioso una comunicazione in merito. Per quanto mi riguarda, il 18 settembre sarò a Roma alla conferenza dei servizi ad assicurarmi che la voce della città della Spezia sia forte e chiara sullo stop al carbone e mi auguro che in quella sede il nuovo Governo giallo-rosso confermi la cessazione dell’uso del carbone della Centrale spezzina al 31 dicembre 2020. Se le opposizioni spezzine che a Roma sorreggono l’attuale governo vogliono unirsi per fare pressione comune sui ministeri sono i benvenuti. Il bene comune non dovrebbe conoscere bandiere di partito", dichiara Peracchini rigirando ai rappresentanti dell'opposizione gli inviti a sposare la causa comune più volti arrivati proprio dai banchi della minoranza.

"Questo è un momento delicato e non possiamo permetterci di sognare: la realtà ci chiama per il 18 settembre per dire no al carbone. Una partita che possiamo vincere se la giochiamo tutti insieme”, ribadisce in conclusione Peracchini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News