Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Settembre - ore 08.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Usare parte dell'imposta di soggiorno per musealizzare il Da Vinci"

L'operatore turistico Virgilio Benigni lancia l'idea dello stanziamento delle risorse destinate al turismo per il sommergibile: "Si tratterebbe di investire nello sviluppo rafforzando il prodotto turistico museale dedicato alla marineria".

La proposta
"Usare parte dell'imposta di soggiorno per musealizzare il Da Vinci"

La Spezia - I denari dell'imposta di soggiorno servono per la promozione ed il rafforzamento dei prodotti turistici e possono essere utilizzati per lo sviluppo del turismo. E allora perché non investirli in qualcosa che funga da richiamo, che caratterizzi in maniera forte l'offerta turistica locale? Se lo è chiesto Virgilio Benigni, operatore dell'agenzia di incoming Mamberto della Spezia, arrivando ad avanzare una proposta che mette a disposizione della città e dell'amministrazione comunale.

"Il progetto di musealizzazione del sommergibile Leonardo Da Vinci tiene banco da tempo, senza che ci siano certezze (per lo meno ufficiali) sulla conclusione di questo percorso. A quanto pare una delle note dolenti della faccenda sono, come spesso accade, le risorse economiche necessarie per compiere l'intervento. E allora perché non pensare di affrontare la spesa con una parte degli introiti dell'imposta di soggiorno? D'altronde - sostiene Benigni - si tratterebbe di investirli su un prodotto turistico, un elemento che sia in grado di attrarre turisti per un lungo periodo di tempo".

Con il raddoppio dell'importo della tassa di soggiorno l'amministrazione conta di incamerare ogni anno una cifra vicina al milione e 400mila euro, e dunque sarebbe sufficiente stanziarne solo una parte per procedere con la musealizzazione del sommergibile, operazione per la quale si stima occorrano, da parte del Comune, un milione di euro in tre anni. Una somma che, quindi, pare sostenibile. A patto che ci sia l'accordo con le associazioni di categoria, interlocutore designato per l'impiego degli introiti dell'imposta di soggiorno. Oltre, naturalmente, alla volontà dell'amministrazione di seguire questa pista.

Benigni, inoltre, vede nel Da Vinci il fiore all'occhiello di quello che potrebbe essere l'orizzonte del Museo tecnico navale, il presidio museale più apprezzato tra quelli presenti in città, con una media di oltre 30mila visitatori all'anno.
"Occorre proporre ai turisti e a tutti coloro che varcano la porta del Navale un approccio più didattico e la possibilità di visitare il sottomarino sarebbe la naturale conclusione di un percorso che affronta il tema della subacquea con l'esposizione dei famosi "maiali" (i siluri a lenta corsa di Teseo Tesei - Ndr), le tute da palombari e tutti gli altri marchingegni presenti nel museo. Così si potrebbe passare dalla mera conoscenza di quanto esposto a un maggiore coinvolgimento del visitatore", conclude Benigni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News