Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio - ore 13.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Siamo precari in trincea, adesso assumeteci"

Il grido e le speranze dei 158 operatori sociosanitari Coopservice.

Lavoro senza sosta

La Spezia - “Siamo lavoratori precarizzati, in trincea quotidiana al pari degli altri operatori sanitari”. Lo rimarcano i 158 operatori socio sanitari di Coopservice nella missiva indirizzata in queste ore al sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini, alla Asl5 e alla Regione Liguria. Una lettera, sottoscritta dagli operatori, in cui si chiede una cosa molto chiara: “l'assunzione immediata e diretta presso l'Azienda sanitaria locale Spezzino 5, a tempo indeterminato, dei 158 Oss”. I lavoratori lo chiedono in virtù “dell'attuale situazione di emergenza sanitaria nazionale”, della “eroga attuata dal Governo nazionale alle richieste della Asl5 in materia di assunzione Oss per un periodo limitato a 6 mesi da dalla data di inizio emergenza”, vista altresì “la volontà della giunta regionale ligure di indire un concorso per l'assunzione di personale Oss presso la Asl5 che ci penalizzerebbe per la mancanza di tutela dell'attuale nostro posto di lavoro”.

Parole chiare e un forte desiderio di veder riconosciuto i propri ruolo e valore. La scorsa settimana anche la politica spezzina, in modo bipartisan, ha chiesto fortemente l'accesione dei riflettori sulla battaglia degli Oss. “Il piano di emergenza messo in campo dal governo alcuni giorni fa – continua Cenerini - prevede il potenziamento del servizio socio sanitario nazionale con l’assunzione di 20mila addetti fra personale medico, infermieristico e socio sanitario (5mila oss), a tempo determinato per due anni, con la possibilità se non ci sono elementi negativi di passare a tempo indeterminato. Agganciandosi a questo piano penso ci possa essere la possibilità di dare una certezza lavorativa a coloro che anche in questo grave momento hanno fatto tutto meno che incrociare le braccia, malgrado la loro precaria situazione, ma anzi si prodigano raddoppiando gli sforzi, senza pensare ai rischi che corrono in cambio di un limitato e incerto stipendio”, ha scritto, in una lettera aperta rivolta al presidente regionale Giovanni Toti, il capogruppo spezzino e coordinatore provinciale di Forza Italia, Fabio Cenerini. All'appello dell'esponente del centrodestra si è unito il capogruppo Pd Marco Raffaelli, chiedendo di approfittare “delle possibilità in termini di risorse ed assunzioni, che il Governo ha concesso agli Enti per sopperire al fabbisogno di personale sanitario, e si proceda all’internalizzazione dei 158 oss in Asl5”. Il consigliere regionale di Italia Viva Juri Michelucci ha esortato Toti a operare “per far assumere i 158 oss di Coopservice e si affidi alle mobilità di coloro che vogliono rientrare all'Asl 5”. Ha chiesto assunzione e internalizzazione immediata anche il Movimento cinque stelle, con la capogruppo regionale Alice Salvatore, che in una nota ha stigmatizzato l'esternalizzazione come “parte del processo di privatizzazione che priva il cittadino di servizi di qualità e alla portata di tutti"

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News