Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Settembre - ore 16.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Sempre meno cristiani in Medio Oriente"

Il vescovo copto Barnaba El Soryany alla Spezia per la Via Crucis.

"Sempre meno cristiani in Medio Oriente"

La Spezia - "Il Medio Oriente si sta svuotando dei cristiani. Sarà un grande peccato se non ci saranno più cristiani nel luogo dove è nato Gesù. Bisogna pregare per evitarlo". L’ha detto Barnaba El Soryany, vescovo della diocesi copta ortodossa di San Giorgio, Roma, aprendo ieri sera presso il santuario della Neve la tradizionale Via Crucis cittadina. Al contempo, ha proseguito il vescovo della chiesa originaria dell’Egitto, "ringraziamo che anche nel ventunesimo secolo ci sono i martiri, testimoni di Cristo". El Soryany ha riportato l’incontro con una bambina egiziana che, dopo una strage in chiesa, gli ha chiesto dispiaciuta perchè non ci fosse stata anche lei tra quelli chiamati a morire per fedeltà a Gesù.
I fedeli – un migliaio, tra cui molti giovani e sacerdoti - sono poi usciti all’aperto, nonostante la pioggerellina fitta, per raggiungere in processione la cripta di Cristo Re attraverso le vie del centro storico, dove si sono celebrate le quattordici stazioni della Via Crucis. A preparare e leggere i testi e le meditazioni delle varie stazioni sono stati i giovani dei vari gruppi parrocchiali.

"Questa sera abbiamo fatto memoria della via della croce percorsa dal Nostro Signore», ha commentato il vescovo Luigi Ernesto Palletti nella riflessione finale.
«Gesù è morto per i nostri peccati e la nostra salvezza. Ci ha insegnato come vivere e come morire. Per noi ha fatto la pienezza del cammino. Si è addossato i nostri peccati, li ha cancellati perchè possiamo diventare pienamente liberi: “Se vuoi vieni e seguimi”. Questo deve stimolare la nostra testimonianza. In questo inizio di Quaresima rinnoviamo la fiducia nell’efficacia della preghiera. La preghiera è efficace, non magica. A volte non è esaudita come vorremmo noi, ma il Padre ci ascolta sempre. Bisogna ritrovare il senso della preghiera, sia pubblica sia nel silenzio della nostra casa. Bisogna rinnovare l’ascolto della Parola.  Dalla nostra mente bisogna che il brano scenda nel nostro cuore che non è il luogo dei sentimenti, ma il centro della persona. Bisogna ritornare alla Parola di Dio. E poi la carità, che sappiamo aver bisogno della Parola. “Non chi dice Signore, Signore” si salva.  Ma carità non è solo fare una cosa buona, ma secondo il cuore di Dio. Così la via della croce diventa via della luce e della vita". Il vescovo ha infine sottolineato e ringraziato per la significativa presenza dei giovani delle parrocchie, anche in vista del prossimo sinodo a loro dedicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News