Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Agosto - ore 19.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Parlavano tutti dell'infermiere di famiglia... poi è calato il silenzio"

Il monito dopo il convegno di Via Taviani: "Inutile parlare di pronto soccorso intasati se poi non si fa nulla per tenere a casa quei malati cronici che potrebbero venire meglio assistiti al loro domicilio".

la denuncia
"Parlavano tutti dell'infermiere di famiglia... poi è calato il silenzio"

La Spezia - Si è svolto presso la sede dell'Ordine Professioni Infermieristiche (OPI, precedentemente noto come Ipasvi) di Via Taviani un convegno dedicato al ruolo dell'Infermiere di famiglia e di comunità. Hanno relazionato Antonella Fretto, Emanuele Simani e Benedetta Eguez. I primi due sono i protagonisti di reali esperienze professionali dedicate a questo ruolo: Fretto è infatti infermiera di famiglia in Val Trebbia, nell'entroterra genovese e Simani opera come infermiere della medicina di iniziativa della Regione Toscana nella zona di Carrara.

Intorno alla figura dell'infermiere di famiglia si sviluppa da tempo un dibattito troppo teorico. Si è detto nei giorni scorsi del progetto ''meglio a casa'', che sovvenziona un mese di assistenza badanti per persone in difficoltà. "Questo è comunque un segnale positivo, perché dimostra attenzione al problema di pazienti che a casa non sono autosufficienti - commenta il Consiglio Direttivo Ordine degli Infermieri OPI La Spezia -. Ma e' evidente che se il progetto comprende solo le badanti, non è certamente un progetto che mira a fornire una assistenza professionale. E' inutile continuare a girare intorno ai problemi: l'assistenza domiciliare è preziosa, funziona anche nello Spezzino ed infatti in Asl5 esiste, ma l'infermiere di famiglia potrebbe andare molto oltre, come ha dimostrato l'esperienza di altre Regioni (dal Friuli alla Lombardia, al Piemonte; o come avviene in zone ancora troppo limitate della Liguria).

"E' completamente inutile - prosegue la nota - continuare a lamentare difficoltà nei pronto soccorsi intasati e nelle sempre scarse dotazioni di posti letto ospedalieri, se poi non si fa nulla per tenere a casa quei malati cronici che potrebbero, una volta assistiti a 360 gradi, restare al loro domicilio, con vantaggi enormi per loro (sul piano del conforto, degli affetti, delle abitudini) e dei costi sociali, visto che un giorno di ricovero in ospedale comporta cifre pazzesche. Si parla da decenni di infezioni ospedaliere (lo scorso anno oltre 7mila i morti per questo tipo di complicanze terribile), e poi non si lavora abbastanza sul piano strategico per evitare di ospedalizzare chi potrebbe restarsene, assistito, a casa sua. Chi non è a favore faccia outing e dica perchè: non vogliamo polemizzare con nessuno, ma va chiarito che non si è mai pensato, nè proposto di sostituire il medico di famiglia che resta saldo al suo posto, ma che sempre meno fa visite al domicilio, e questo è noto a tutti, anche se per cause anche indipendenti dalla volontà del medico, senza dubbio). A maggio 2017 la figura dell'infermiere di famiglia era nell'agenda politica di tutti i candidati alla poltrona di sindaco della nostra città, presenti il 31 maggio nella nostra sede, ben informati dall'allora Presidente Francesco Falli con dati, numeri e riferimenti normativi, ancora attuali ed ancora a disposizione di chiunque sul nostro sito. Da allora non ci sono stati più segnali: se qualcuno è interessato, può battere un colpo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Ecco lo Spezia 2018/19, che campionato farà?


































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News