Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Gennaio - ore 22.59

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Le navi attraccano e le emissioni aumentano. Preoccupante il biossido di azoto"

Il comitato "SpeziaViaDalCarbone" torna alla carica, e accusa: "Difficile accedere a informazioni che per legge dovrebbero essere nella disponibilità dei cittadini".

`Le navi attraccano e le emissioni aumentano. Preoccupante il biossido di azoto`

La Spezia - Lo scorso luglio il comitato SpeziaViaDalCarbone ha chiesto ad Arpal e all’Assessore all’Ambiente Laura Ruocco la pubblicazione dei dati delle emissioni al camino della centrale Enel. "Siamo ancora in attesa. Nel frattempo il Comitato ha analizzato i dati delle emissioni inquinanti registrate dalla centralina di Via San Cipriano, la più prossima alla banchina di ormeggio delle navi da crociera, trovando una strana coincidenza. È sempre molto complicato accedere a informazioni che secondo la legge dovrebbero essere nelle disponibilità dei cittadini in maniera chiara e tempestiva", spiega Daniela Patrucco, portavoce del comitato.

Nel 2014 il comitato aveva ottenuto dalla Provincia i dati delle emissioni Enel al camino in formato digitale potendo quindi elaborarli. “Con quelle informazioni – continua Patrucco - nel 2015 avevamo calcolato quanto inquinamento si sarebbe potuto evitare se con l’Aia si fosse imposto a Enel l’utilizzo delle migliori tecnologie disponibili. Come noto, maggiori emissioni di polveri, biossido di zolfo e biossido di azoto aumentano la probabilità immediata di essere colpiti, tra l’altro, da malattie cardiovascolari e respiratorie”.

“Il paradosso - sottolinea Patrucco - è che abbiamo dovuto far intervenire il direttore della centrale ing. Matteucci per sbloccare la situazione e finalmente a ottobre abbiamo ricevuto dall’Ass. Ruocco i dati delle emissioni del periodo maggio/settembre 2016, in formato pdf. Dati che in tale formato non possono essere elaborati e riferiti a un periodo limitato di tempo. Siamo in attesa di ricevere i dati da maggio 2014 a oggi in formato digitale e auspichiamo che gli stessi siano disponibili pubblicamente sul sito di Arpal nella sezione dedicata all’Enel”.

Temporaneamente “disoccupati”, gli attivisti del comitato si sono occupati, come detto, della centralina di Via San Cipriano, quella più prossima alla banchina di ormeggio delle navi da crociera. Incrociando i valori delle emissioni di CO, NO2, PM10, PM2,5 e SO2 con gli attracchi delle navi da crociera del periodo 1 gennaio/10 novembre 2016, "il comitato - si legge ancora nel comunicato - ha verificato un aumento generalizzato della media delle emissioni (i dati nella tabella allegata all'articolo, a fine pagina, ndr). In concomitanza con gli arrivi delle navi: la media delle emissioni medie orarie di NO2 e SO2 aumenta rispettivamente del 17 e del 7%, mentre la media delle emissioni massime orarie aumenta rispettivamente del 24 e del 30%. Il dato è particolarmente significativo per il biossido di azoto".
SO2 e NO2 sono gli inquinanti di cui si è occupato in prevalenza il Comitato SpeziaViaDalCarbone a causa della centrale. “Conosciamo bene gli effetti immediati sulla salute a seguito dell’esposizione anche temporanea a questi inquinanti – conclude Patrucco - per questa ragione siamo molto preoccupati per i picchi che abbiamo rilevato in concomitanza con la presenza delle navi da crociera in porto. Siamo anche consapevoli del fatto che lavorando con le medie è quasi certo che la nostra analisi sottostimi fortemente il problema, che potrebbe essere ben più grave. Sollecitiamo ancora una volta l’Asl, l’Arpal e il Comune della Spezia affinchè siano pubblicati e analizzati i dati disponibili e auspichiamo una immediata attenzione e verifica di queste nostre valutazioni. Non vogliamo creare allarmismo ma siamo stanchi di essere tenuti in una situazione di ignoranza. L’ignoranza e l’inquinamento sono 'stili di vita' che non ci appartengono e che non fanno bene alla salute.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure