Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Novembre - ore 08.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"La passerella su Viale Italia sarà integrata con Via Diaz e con lo skyline"

L'assessore Piaggi in commissione: "L'architetto Femia sta lavorando per realizzare una struttura leggera che colleghi Via Diaz e i giardini riqualificati alla banchina Thaon di Revel".

A novembre l'idea di progetto
"La passerella su Viale Italia sarà integrata con Via Diaz e con lo skyline"

La Spezia - La riqualificazione di Via Diaz e la realizzazione di una passerella ciclopedonale al di sopra di Viale Italia faranno parte di un unico intervento integrato. Se per Via Diaz è già deciso che si andrà a mettere mano principalmente ai marciapiede, all'illuminazione e all'asfaltatura, per avere un'idea di come sarà la struttura di collegamento tra la città e il fronte a mare gli spezzini dovranno attendere ancora poco più di un mese. Tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre saranno infatti pronte le proposte progettuali figlie dello studio di fattibilità che l'amministrazione comunale ha affidato allo studio genovese dell'architetto Alfonso Femia alcune settimane fa.

La tematica è stata affrontata nel pomeriggio dalla commissione consiliare Lavori pubblici, presieduta da Maria Grazia Frijia.
Rispondendo alla sollecitazione di Marco Raffaelli, l'assessore ai Lavori pubblici, Luca Piaggi, ha illustrato le tappe che porteranno a quella data.
"In seguito a un incontro in cui l'architetto ha abbozzato alcune ipotesi - ha detto Piaggi - l'11 agosto abbiamo fatto l'affidamento dell'incarico allo studio e nel giro di 90 giorni avremo il risultato dello studio di fattibilità. Si tratta di un progetto per il quale è stata accantonata una somma di 1,5 milioni provenienti dal Fondo strategico regionale. Ma sarà necessario attendere per conoscere meglio i costi dell'intervento. Abbiamo concordato col
progettista di realizzare una struttura che non sia solamente un ponticello, ma un'opera che si inserisca nello skyline circostante, dunque tenendo conto della vicinanza del Ponte Thaon di Revel, e che non sia solamente un punto di passaggio, ma, volendo, anche di sosta. Inoltre dovrà connettersi all'area della banchina in un tutt'uno con la riqualificazione di Via Diaz. Lo scopo principale - ha proseguito Piaggi - è quello di eliminare l'attraversamento pedonale di Viale Italia che ha anche evidenziato problemi sotto il profilo della sicurezza. E così renderemo anche il traffico veicolare più scorrevole".
Del progetto l'amministrazione e l'architetto Femia hanno parlato anche con la Soprintendenza ai beni storici e paesaggistici che ci ha imposto il divieto di realizzare volumi troppo ampi.
"La leggerezza e il basso impatto visivo nei confronti dei giardini storici e del contesto sono una prerogativa che ci siamo posti - ha aggiunto l'assessore - e l'architetto ci sta lavorando. Tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre avremo a disposizione una prima idea progettuale. E da lì potremo anche capire quali tipi di materiali e di soluzioni (vedi ascensori) potremmo permetterci sotto il profilo economico".

Dopo aver relazionato i commissari sullo stato di avanzamento degli iter progettuali e autorizzativi degli altri progetti che saranno affrontati con denaro proveniente dal Fondo strategico regionale (Piazza Cavour, Giardini pubblici, Piazza Chiodo ed ex convento delle clarisse, tutti già a conoscenza della Regione, seppure in stadi differenti), Piaggi ha risposto a Paolo Manfredini sul futuro di Via Diaz: "Interverremo sui marciapiede, sull'illuminazione pubblica e sull'asfalto. Sarà in pratica una manutenzione corposa, necessaria per lo stato in cui si trova la strada e perché tutte le aree limitrofe saranno riqualificate, dai giardini alla nuova passerella. La viabilità resterà quella di oggi, mentre puntiamo molto sul fatto di utilizzare la via per diverse iniziative, di farla vivere".
Roberto Centi ha ricordato a tutti la presenza di alcune lastre di ardesia che segnano l'antica banchina portuale della città seicentesca proprio nella parte di Via Diaz più vicina a Viale Italia, pregando l'amministrazione di preservare e valorizzare quella testimonianza storica e ottenendo le dovute rassicurazioni dall'assessore Piaggi e dal dirigente Claudio Cannetti.
Spostando per un attimo l'attenzione sui giardini storici l'assessore ha garantito alla consigliera Donatella Del Turco la conservazione delle essenze attuali e, laddove necessario, la piantumazione di nuove, con la consulenza di un agronomo. "Abbiamo previsto anche il restauro delle opere e delle statue presenti, compresa quella in omaggio a Ubaldo Mazzini, anche perché siamo convinti che i nostri giardini possano essere parte di un interessante percorso turistico".
"Mi riservo di dare un parere sulla passerella - ha detto Massimo Caratozzolo -, voglio prima vedere come sarà. Faccio fatica a immaginare un'opera del genere capace di generare poco impatto...".
"Capisco la preoccupazione - ha replicato Piaggi - ma abbiamo visto qualche bozza e devo dire che si tratta di un intervento molto integrato. L'architetto Femia è noto per il suo stile fatto di volumi contenuti e grande leggerezza. Anche io auspico una struttura utile e poco impattante. E non taglieremo alberi", ha concluso ironicamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Solitamente dove acquistate prodotti alimentari?


































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News