Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 16 Agosto - ore 22.49

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"L'omocausto", quei 7mila gay sterminati nei lager nazisti

"L'omocausto", quei 7mila gay sterminati nei lager nazisti

La Spezia - "In occasione della giornata della memoria del 27 gennaio l’associazione RAOT (Rete Anti Omofobia e Transfobia) vuole ricordare l’orrore dell’olocausto e dell’omocausto.
Il 27 gennaio del 1945 i soldati dell'Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau: in quel lager nazista vennero uccisi di fame, lavori forzati, torture, più di un milione di esseri umani. Almeno sei milioni di bambini, donne, vecchi e uomini vennero sterminati solo perché ebrei. Mezzo milione furono le persone di origine Sinti e Rom che trovarono la morte a opera dei nazisti, quindicimila i testimoni di Geova che vennero uccisi, settantamila le persone con malformazioni o malattie genetiche sterminate, perché “disturbavano” il folle piano di una “razza superiore”.
In questo macabro elenco di morte hanno una voce anche gli omosessuali:
circa 100mila omosessuali durante il regime nazista tra il 1933 e il 1945 vennero perseguitati; il Paragrafo 175 della legge penale tedesca del 1871, che già puniva l'omosessualità, venne inasprito. Con l'avvio della “soluzione finale” e la creazione dei campi di sterminio, più di settemila persone omosessuali vennero barbaramente uccise nei lager nazisti.
I gay, marchiati con il triangolo rosa, e le lesbiche, “classificate” con il triangolo nero degli asociali, vennero sottoposti a esperimenti medici, torturati, umiliati e, se sopravvissuti a tutto ciò, uccisi nelle camere a gas.
Finita la guerra gli omosessuali sopravvissuti continuarono a essere vittime di discriminazione e pregiudizio: la maggior parte di chi riuscì a resistere all'orrore dei campi di sterminio finì con il tacere, sopraffatta dalla paura e dalla vergogna:

“La ricerca sulle persecuzioni degli omosessuali da parte dei nazisti fu impedita dalla criminalizzazione e dalla stigmatizzazione degli omosessuali in Europa e negli Stati uniti nei decenni che seguirono l’Olocausto” (Le ragioni di un silenzio. La persecuzione degli omosessuali durante il nazismo e il fascismo, a cura del Circolo Pink, Ombre Corte Editore).
È solo dagli anni Ottanta, ed è solo grazie alla collaborazione con le altre vittime dell'olocausto, che si avviarono ricerche anche sull'omocausto.
Oggi 27 gennaio 2018 vogliamo ricordare quel 27 gennaio del 1945.
Ricordando ciò che è stato, ci battiamo per impedire che si ripeta nel futuro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News