Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Settembre - ore 10.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Io salvata da screening mammografico, nello Spezzino 18mila in attesa"

Il gruppo Sos Oncologia incontra il candidato Ferruccio Sansa: "Questa Asl non parla, non sente, non vede". Il dottor Cozzani per il Manifesto per la sanità: "La strategia è costringerci ad accogliere i privati come salvatori della patria".

"Toti ha battuto tutti"

La Spezia - “Siamo stanche di essere trattate male da una Asl che non sente, non vede, non parla e nega l'evidenza”. Questo lo sfogo di Sos Oncologia Sarzana, gruppo di recente nascita – circa 7mila le adesioni social - che ieri a Sarzana, in Sala della Repubblica, ha illustrato le sue ragioni al candidato del centrosinistra Ferruccio Sansa. “C'è una signora – ha proseguito Lorenza Zanoni – che da mesi aspetta un intervento alla testa del femore, che è in necrosi. Cosa si attende, che muoia? Ci dicono che oncologia a Sarzana è stata riaperta: tre persone a settimana non è una riapertura! E in provincia della Spezia ci sono 18mila donne che aspettano lo screening mammografico, una cosa fondamentale, visto che ogni anno in Italia muoiono di tumore al seno 12mila donne. Su un centinaio che vanno a fare lo screening, qualcuna col tumore, purtroppo, c'è sempre”. “Se io sono qui – ha segnalato la signora Monica, anche lei del gruppo – è proprio perché nel 2017 in occasione dello screening mi hanno trovato un tumore”. A tema Covid-19 l'intervento di Silvia: “Toti dice che limiterà le libertà finché riusciremo a curare i malati? Cosa vuol dire, che finché non ci sono i letti pieni si possono fare feste e tutto il resto?”. Interventi accorati, conditi dal malumore e dalla preoccupazione per i tanti professionisti che, vuoi per pensionamento, vuoi per mobilità, hanno salutato la sanità spezzina “senza che ci siano stati adeguati ricambi e sostituzioni. Niente da dire – hanno sottolineato le attiviste – sul lavoro del personale medico, degli infermieri, degli Oss. Ma su chi ci governa, invece...”.

Presente anche il dottor Lorenzo Cozzani, alla guida di Sos Sanità, intervenuto in rappresentanza del Manifesto per la sanità spezzina. Rilanciato l'allarme per l'imminente scopertura di 10mila pazienti in virtù dei pensionamenti tra i medici di base, ha ribadito altresì, sul modello tosco emiliano, la possibilità di inserire i medici 'di famiglia' nelle case della salute, in modo da garantire a professionista e paziente una serie di servizi base pret a manger. “Quello della sanità è un problema di lunga data – ha continuato Cozzani -. Ci sono stati partiti di destra che hanno fatto politiche di destre e, ahimè, partiti di sinistra che hanno fatto politiche di destra. Certo, l'attuale governo regionale ha battuto tutti. Io sono preoccupato, ho l'impressione che la strategia sia farci arrivare al punto in cui accetteremo i privati come salvatori della patria”. E ha concluso: “Anche qualora vi ritroviate all'opposizione, noi ci saremo, per una lotta dura per la sanità pubblica”. Ha chiuso il confronto un intervento dell'ex sindaco della Spezia Sandro Bertagna, il quale ha rimarcato la necessità di chiudere la storia spezzina della centrale termoelettrica "che sia carbone o che sia gas". Dal canto suo Sansa ha preso appunti e chiesto che gli sia inviata la varia documentazione menzionata (delibere, articoli ecc.), dando altresì un parere netto su Alisa: "Una voragine, un duplicato delle Asl che serve a sprecare soldi e a moltiplicare poltrone". Un attimo prima il candidato aveva ascoltato le ragioni del mondo ambientalista, con particolare riferimento alla vicenda del biodigestore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News