Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Marzo - ore 16.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Il Da Vinci per il Navale, quali nuove da Roma?"

L'associazione Per il Museo Tecnico Navale, che ha realizzato un appello da 2.500 firme per il sottomarino-museo, chiede di fare il punto. Il presidente Arrichiello: "Portsmouth frutto di un lungo lavoro".

obiettivo portsmouth
"Il Da Vinci per il Navale, quali nuove da Roma?"

La Spezia - "La notizia che un'altra città italiana ha un progetto di musealizzazione di un sommergibile, rende spontanea la domanda: a che punto è il programma per la musealizzazione del Leonardo Da Vinci?". Se lo chiede l'associazione Per il Museo Tecnico Navale dopo che CDS ha svelato dei piani di Catanzaro di essere la terza città italiana a proporre una ex unità della Marina Militare come attrattiva per i visitatori (qui l'articolo).
Il presidente dell'associazione Vincenzo Arrichiello porta l'ennesimo contributo a un progetto che potrebbe finalmente fornire un prodotto turistico legato alla cultura marinaresca di cui la Spezia è, per storia e tradizione, una città tra le più significative depositarie a livello mediterraneo.

"Nel novembre scorso l'assessore Paolo Asti aveva annunciato che il Comune stava preparando le condizioni per un programma di rinnovamento e valorizzazione del Museo Tecnico Navale, tale da renderlo un "prodotto turistico" (qui l'articolo); in particolare aveva informato di contatti presi dal sindaco con la Marina Militare e con Difesa Servizi (la società incaricata della gestione economica di beni e servizi del Ministero della Difesa) per arrivare ad un accordo formale per la gestione del Museo; questo per poter procedere a interessare potenziali partner con competenze di valorizzazione e gestione museale", riassume lucidamente l'ingegnere.

"Credo di farmi interprete degli oltre 2500 cittadini che hanno sottoscritto la petizione per la musealizzazione del Da Vinci nel chiedere, a oltre due mesi di distanza, di essere informati circa i primi risultati di tali contatti, come anche di quelli, preannunciati, verso potenziali partner per la gestione. Come ulteriore considerazione, va sottolineato come il polo museale navale di Portsmouth, molto appropriatamente citato da Asti quale esempio, è stato realizzato con un programma che si è sviluppato su più decenni, accrescendo progressivamente il numero delle attrazioni turistiche che ne fanno parte (attualmente sono ben dieci). L'idea di realizzare alla Spezia, sulla base di un patrimonio storico navale unico in Europa, un prodotto turistico capace di generare un'economia è totalmente condivisibile, ma per realizzarla occorre un piano di sviluppo per passi progressivi; il sommergibile Da Vinci potrebbe essere appunto il primo passo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News