Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 15.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“I primari ospedalieri non sono usi ad obbedir tacendo”

Il Manifesto per la sanità locale replica al sindaco Peracchini: "Così si alimenta il clima di intimidazione all'interno della Asl 5. Serve maggiore rispetto: è grazie a loro e al personale che si riesce a fornire ancora un servizio sanitario".

"I sindaci facciano i sindaci di tutti"
“I primari ospedalieri non sono usi ad obbedir tacendo”

La Spezia - "Sinceramente non abbiamo condiviso la strigliata fatta dal sindaco Pierluigi Peracchini (leggi qui) ai primari ospedalieri che si lamentano delle condizioni in cui versa la sanità locale". Lo affermano in coro le associazioni che fanno parte del Manifesto per la sanità locale.

"Si alimenta così un brutto clima di intimidazione, da qualche tempo inaugurato da taluni dentro l'Asl 5, e di polemiche senza costrutto. Da qualche tempo, anche il sindaco della città ci mette del suo criticando questi o quelli. Ciò mentre non ci pare - o quantomeno non appare - un suo ruolo positivo, per superare lo stato di disagio che grava sull'Asl. Sarebbe bene, noi riteniamo, che sindaci o dirigenti dell'Asl direttamente nominati dalla Regione, si ricordassero che i primari ospedalieri sono i dirigenti apicali della sanità locale. Per loro non può valere il motto “Usi ad obbedir tacendo”. Ci saremmo aspettati un maggior rispetto ed una maggiore considerazione, se non altro perché è proprio grazie a loro e a tutto il personale sanitario dell'Asl, se ancora si offre a malati e pazienti una qualificata assistenza e cura ospedaliera. Supplendo a carenze, inerzie ed ingiustizie altrui. Perciò ci aspettavamo l'apertura di un dialogo e di un confronto, la convocazione di un incontro con loro per individuare soluzioni o quantomeno l'avvio di un nuovo percorso condiviso, con loro e con altri. Ed invece è arrivata “la strigliata”. Le rampogne del tipo “i medici facciano i medici, i preti facciano i preti” e così via rimproverando, se diventano consuetudine rischiano che poi saranno in molti a ritenere che anche i sindaci devono fare i sindaci della città intera".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News