Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 03 Marzo - ore 00.11

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Chiediamo se la politica locale tenga davvero alla salvezza della Pubblica assistenza"

Il presidente dell'associazione spezzina Andrea Frau: "Dobbiamo saperlo, siamo stanchi delle promesse. Mettete a rischio le famiglie che assistiamo e quelle di chi lavora con noi".

la rabbia
Andrea Frau presidente Pubblica assistenza della Spezia

La Spezia - "Sette mesi sono passati da quando il consiglio regionale Ligure ha, a dire di molti, inconsapevolmente votato la legge 15 dello scorso anno nella parte in cui vieta alla Pubblica Assistenza della Spezia di non poter più svolgere a svolgere i servizi funebri dal prossimo agosto. Sette mesi durante i quali i nostri politici hanno giurato e spergiurato che appena possibile si sarebbero tutti adoperati per correggere l'errore fatto 'a loro insaputa'". Parole dure dal presidente della Pubblica assistenza, Andrea Frau, in merito allo slittamento della discussione della legge sui servizi funebri (leggi qui).
Il presidente Frau prosegue: "Oggi ormai dopo questa lunga gravidanza, quella parte politica che si è adoperata per proporre la modifica della legge per noi infausta ci fa sapere, che sembra esserci una volontà contraria a rimettere le cose a posto come hanno funzionato per oltre 130 anni, da quando nel 1889 la Pubblica assistenza Spezia è stata fondata. A questo punto, ho bisogno di sapere quanto ai nostri amministratori locali interessi il destino di un ente che gratuitamente, senza contributo pubblico alcuno, aiuta: oltre 100 famiglie fornendo migliaia di spese, portando a casa le medicine ed ogni tipo di aiuto ai nostri anziani soli, che interviene sul soccorso con i mezzi più moderni ed attrezzati presenti sul territorio ogni giorno, notte e festa, che dà lavoro ad oltre trenta famiglie e vede presenti oltre cento volontari, che dà la possibilità di fare i funerali a prezzi popolari con il totale rispetto di tutti".

"Devo saperlo - tuona il presidente - per capire se tutte queste risorse devono essere buttate via, se la fatica fatta ogni giorno sia degna di chi deve governare il nostro territorio per il benessere della popolazione. È per questo che chiedo ai nostri rappresentanti sul Comune, la Provincia, la Regione e in Parlamento di dare un segno del loro interesse. Nel recente passato la senatrice Pucciarelli ha fatto vedere quanto sia interessata alla sanità locale individuando un assessore in comune, l'onorevole Gagliardi di essere attenta ai problemi dei dipendenti del nostro arsenale, l'onorevole Paita di seguire seguito con attenzione i problemi delle Associazioni del Soccorso, il ministro Orlando con il suo ruolo ha sicuramente a cuore la sorte dei nostri dipendenti. A loro ed all'assessore Giampedrone, al Presidente del Consiglio regionale Medusei ed a tutti gli altri consiglieri regionali chiedo di darci una risposta veloce e seria, di rispettare gli impegni presi. Siamo stanchi di promesse senza companatico! Fateci sapere le vostre intenzioni, diteci se vi interessa la vostra cittadinanza che vi ha votato, ma non fatelo solo con le vuote parole".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News