Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Settembre - ore 13.07

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Asl nel caos prima dello sciopero, abbiamo chiesto l'intervento del prefetto"

La denuncia di Assunta Chiocca segretaria territoriale del sindacato Nursind. Gli infermieri spezzini incroceranno le braccia il 23 febbraio.

"Alcuni avvertiti con Whatsapp e sms"
"Asl nel caos prima dello sciopero, abbiamo chiesto l'intervento del prefetto"

La Spezia - “Asl 5 non sta ottemperando alla normativa in quanto ha omesso di comunicare i contingenti minimi del personale con violazione dell'art. 3 dell'accordo sui servizi pubblici essenziali del 26 settembre 2001 che impone -all’azienda sanitaria di comunicare alle organizzazioni sindacali e ai lavoratori dipendenti, entro il quinto giorno precedente lo sciopero, i nominativi degli infermieri che devono garantire le prestazioni indispensabili”. Sono le parole della segretaria territoriale del sindacato Nursind Assunta Chiocca che torna all'attacco il sindacato degli infermieri Nursind in vista dello sciopero del 23 febbraio.

La denuncia di Chiocca “Chi deve lavorare viene avvertito su Whatsapp oppure via sms". “La direzione aziendale e infermieristica della Asl 5 spezzino - prosegue Chiocca - , si trova nel caos più completo e non sta applicando nel modo corretto la normativa sul diritto di sciopero. Nei giorni scorsi NurSind aveva inviato una diffida alla dirigenza aziendale affinché rispettasse la normativa e oggi non ci trovassimo a questo punto, ma purtroppo non è stata affatto considerata e anzi ora la situazione è addirittura peggiorata. Infatti l’amministrazione sta procedendo al contingentamento in netto ritardo ed in maniera del tutto illegittima attraverso sms/WhatsApp e email aziendale invece di affiggere la lista dei contingenti minimi in ogni reparto così che sia visibile e consultabile da tutti”.

“Siamo dovuti ricorrere al prefetto per sanare la situazione. “Come se non bastasse - prosegue in una nota Chiocca -, in netto disaccordo con la commissione di garanzia e la presidenza del consiglio, sono stati contingentati tutti gli infermieri che svolgono attività ambulatoriali o di DH, le cui prestazioni invece non sono inserite in quelle indispensabili in caso di sciopero come previsto nella comunicazione di proclamazione di sciopero. Ci siamo visti costretti a segnalare la situazione al Prefetto di La Spezia affinché intervenga a risolvere una situazione che sta negando il diritto degli infermieri a scioperare e in seconda battuta, abbiamo fatto le dovute segnalazioni alla Commissione di Garanzia sul diritto di sciopero per le sanzioni ai dirigenti e ai coordinatori infermieristici che hanno permesso tutto questo”.

“Non stanno infatti nemmeno provvedendo a valutare tutte le possibilità di sostituzione di coloro che hanno richiesto di scioperare - sottolinea ancora la segretaria di Nursind - anche perché è difficile trovare sostituzione in brevissimo tempo (3 gg prima) e si sta attuando un comportamento gravemente lesivo di un diritto costituzionalmente tutelato”.

Come si svolgerà la giornata di scioper del 23 febbraio. L'appello della segreteria Nursind “Contrariamente ad altri scioperi - si legge ancora nella nota di Chiocca - quello del 23 febbraio sta avendo una adesione massiccia da parte degli infermieri dell’ospedale della Spezia. La totalità degli infermieri della rianimazione e del 118 ha aderito, così come gran parte degli infermieri della Spdc e del Pronto soccorso e presidieranno l’ingresso dell’ospedale Sant'Andrea della Spezia dalle 10 alle 14 per dar voce ai propri diritti negati con questa bozza di contratto”.

“Al fine tranquillizzare la popolazione, è chiaro che per garantire le urgenze, ci saranno gli infermieri necessari - conclude la segreteria Nursind -. Non si può invece garantire per i servizi ambulatoriali in cui non è prevista il contingente minimo. Ma deve essere altrettanto chiaro che agli infermieri non è stato tolto il diritto di scioperare e di manifestare il disagio che vivono per la grave situazione in cui si trovano grazie alle politiche di ridimensionamento del Snn. E’ evidente che la grande adesione allo sciopero nella ASL 5 è la spia della grave sofferenza degli infermieri lasciati, da soli, in prima linea a gestire la situazione estremamente critica dei servizi sanitari”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News