Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Dicembre - ore 22.18

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Missa Solemnis

di Marcello Albani

Missa Solemnis

- Don Mario, grande educatore, nelle Messe solenni ci voleva tutti intorno all’altare; non solo i coristi veri che conoscevano e cantavano gli inni, ma pur noi che aprivamo la bocca solo per mostrare le tonsille.
Quella notte di Natale la Chiesetta era stracolma. La gente vestiva l’abito buono e gli animi dei democristiani e di quelli del colore del tramonto si erano rasserenati.
Più preti, nei loro paramenti di gala, officiavano con il procedere solenne, serviti da un branco di chierichetti.
Questi ultimi, come i coristi, si dividevano in due categorie.
I titolari, per dirla alla sportiva, ed i gregari, con mansioni da inserviente.
Ad uno di questi chierichetti di seconda scelta avevano affidato il turibolo che, con il pieno arroventato, emetteva vapori sacri sì... ma assai corposi.
Il chieri, visto l’affollamento dei colleghi sui gradini dell’altare, tra una cucchiaiata e l’altra dell’incenso, che caricava come il formaggio sulla trippa, venne a piazzarsi esattamente davanti a noi agitando, zelante, il marchingegno.
Lo avevo già notato, un bel bimbo di prima o di seconda, stizzirsi più volte nell’inciampare sulla sottana nera, l’ultima rimasta in Sacrestia, troppo lunga per lui.
Il mio vicino, un bassotto iracondo che aveva già finito le scuole e faceva il garzone di barista, infastidito dal profumo, si sporse verso il chierichetto e gli intimò all’orecchio: “Va ciù ’n là”.
Lui niente, non si spostò di un passo; mi sembrò, anzi, che agitasse con ancor più lena lo strumento.
“A tò ito de andàe ciù ’n là, tè càpi o no??” digrignò il barista.
Allora il chieri volse lentamente il viso da angioletto e, con i suoi occhioni azzurri e luminosi come il mare del Tinetto, lo fissò dritto in volto.
Quindi, con la sua voce argentina come la campanella della Messa, bassa quel tanto che udissero sin dall’entrata, dolcemente gli rispose: “Ma ci vai a fan culo?!”
E l’Officiante, in simultanea: “Orate... Orate Fratres”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure