Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Marzo - ore 22.43

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il piccolo Tito e tanti altri per il cimento di San Terenzo

Il piccolo Tito e tanti altri per il cimento di San Terenzo

Golfo dei Poeti - Il perché ci si butti in mare d’inverno non è chiaro: l’acqua è gelida, anche soltanto il mettersi in costume è già un problema. Poi però ci si ritrova tutti assieme e l’evento diventa una festa.
A San Terenzo il mattino della Befana ci si tuffa in mare: quest’anno è il sesto anno del Cimento Catodico, manifestazione che continua e mietere record. Il 6 Gennaio 2019 più di 160 partecipanti: 43 donne, 119 uomini e molti ritardatari si sono poi tuffati senza iscriversi.
Il più giovane era Tito (3 anni). La provenienza da tutta la provincia: oltre che dalle classiche zone sul mare quali San Terenzo e Lerici c’erano partecipanti dal vario hinterland spezzino, anche dalla zone interne non associate di solito all’idea del mare: Ceparana, Brugnato, Pitelli, Sarzana, Vezzano. Ogni anno vengono poi a tuffarsi al Cimento Catodico gli organizzatori del cimento di Levanto, reduci dal loro di Capodanno e San Terenzo li accoglie con ovvio piacere.

Poi persone da ogni parte d’Italia, che bello leggere nell’elenco dei partecipanti cognomi di tutte le Regioni: cimentisti da Genova, Lucca, Brescia, Empoli, Cuneo, Prato, Marina di Carrara e di Massa, Pontremoli, Salerno, Firenze.
Il Cimento Catodico è organizzato dai giovani del Trittico Natatorio Santerenzino, fondato dall’ormai mitico Luigi Questa: Norbert Frroku, Marco Pini, Letizia Marcenaro. La legna per il fuoco, necessario a chi esce dal mare freddo (provare per credere) è fornita dalla famiglia Frroku.

Fondamentali le barche di salvataggio, capitanate da Roberto Giansanti e Gianluca Copelletti: dato che vari nuotatori arrivano alla dighetta, dove molti non arrivano a spingersi neppure d’estate, è bene non rischiare: loro vegliano che il tutto vada a buon fine. Il proverbio dialettale che recita: “Poi l’ariva l’Epifania, che tutte i feste la si gi porta via” forse è alla base del successo del Cimento Catodico: un saluto alle feste purtroppo finite, un abbraccio collettivo per aggredire i problemi che il 2019 porterà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il cimento catodico
Cimento catodico di San Terenzo
Il cimento catodico


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News