Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Agosto - ore 19.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Parco, Lerici snobba la manifestazione e pensa alla riforma

Paoletti: "Costa propone chiusura a ragion veduta". Il vademecum per il cambiamento.

Parco, Lerici snobba la manifestazione e pensa alla riforma

Golfo dei Poeti - L'amministrazione comunale di Lerici domani sera non prenderà parte all'evento #iostocolparco, convocato a Sarzana, in Piazza De André, per dire no al disegno di legge avanzato dal consigliere regionale Andrea Costa volto a chiudere il Parco di Montemarcello, Magra e Vara. La linea che il sindaco Leonardo Paoletti intende seguire è un'altra, vale a dire richiedere immediatamente una convocazione del direttivo dell'ente di tutela ambientale per dare attuazione alla determina dello scorso aprile con la quale si apriva la porta all'istituzione di una commissione per la riforma del Parco e della sua governance. Una mossa in linea con la condotta fin qui tenuta da Palazzo civico. Ricordiamo che il primo a parlare di chiusura dell'ente era stato proprio Paoletti, in consiglio comunale: meglio tirare le cuoia che tirare a campare, il succo. In altri termini, o si riforma strutturalmente e pesantemente, o è meglio chiudere l'esperienza.
Strade separate quindi tra Piazza Bacigalupi e il presidente del Parco Pietro Tedeschi, insediatosi in Via Paci come l'uomo giusto per dare il giusto peso a Lerici all'interno del Parco e domani agguerritamente in piazza assieme a diverse forze politiche, civiche e dell'associazionismo.

Paoletti stasera ha affidato il suo pensiero a un lungo comunicato, nel quale tuttavia per il menzionato Tedeschi scorrono parole di concordia (del resto il presidente ha a più riprese sostenuto la necessità di una revisione dell'ente). "La questione Parco è questione di sostanza - ha scritto il primo cittadino lericino - e non è pensabile che sia annacquata in manifestazioni pianificate per radicalizzare lo scontro sul piano politico perché poi, tornati a casa, nulla si cambi. Quando Andrea Costa propone la chiusura del Parco lo fa a ragion veduta, visti i risultati che il Parco ha prodotto in territori come quello del Comune di Lerici.
Abbandono, degrado, infestazione di cinghiali, mancato sostegno allo sviluppo delle realtà agricole, mancata tutela delle realtà storico ambientali, incapacità di tutela del proprio patrimonio storico/archeologico, mancata promozione non solo delle potenzialità del territorio ma dello stesso Ente Parco della cui esistenza nessuno si accorge se non laddove si imbatte nella sua burocrazia.
Alla luce di quanto sopra l'unica via per conservare il Parco di Montemarcello è quella della riforma del suo statuto per renderlo uno strumento di valorizzazione guidato con responsabilità politica verso i cittadini, mentre oggi gli organi esecutivi statutari rispondono unicamente a se stessi.
Oggi il Parco ha un Presidente, Pietro Tedeschi, libero da legami politici e che per la prima volta nella storia del Parco ha presentato un programma politico amministrativo che non è l'addendum del Manuale Cencelli.
Un Presidente che, unico nella storia del Parco, ha compreso l'importanza di valorizzare il rapporto con i Comuni e i Sindaci, e il ruolo di coordinamento del Parco.
L'Amministrazione di Lerici, pur condividendo le ragioni che spingono Andrea Costa, non ha abdicato alle sue responsabilità all'interno del Parco, sopratutto per la assoluta fiducia che esprime verso Pietro Tedeschi, e fin dal mese di aprile, ha presentato all'assemblea della Comunità del Parco un documento di forte denuncia indicando quale unica via per la conservazione dell'Ente Parco la sua radicale riforma statutaria".

Il primo cittadino ricorda che sulla base di tale documento e "sulla spinta dell'azione di Andrea Costa", la Comunità del Parco, il 27 aprile, ha deliberato quanto segue: La Comunità, stimolata dal dibattito pubblico recentemente apparso sugli organi di stampa, dal documento operativo presentato dal sindaco di Lerici, dalle recenti richieste avanzate da più comuni di allargamento dei confini dell'Ente, nella prospettiva di incrementare la centralità del Parco, manifesta la volontà di … discutere e proporre modifiche normative e statutarie per il Parco del futuro ...'.

"Pertanto, anche a sostegno del lavoro ad oggi svolto egregiamente dal Presidente del Parco e cogliendo la concretezza delle ragioni di Andrea Costa - continua Paoletti -, il 27 luglio l'Amministrazione di Lerici non sarà presente alla manifestazione indetta dalle associazioni 'ambientaliste' ma depositerà presso l'Ente Parco la richiesta di convocazione urgente della Comunità del Parco per dare corso ai lavori di predisposizione di una proposta di riforma della legge costitutiva del Parco, riforma che la Comunità stessa, esattamente tre mesi fa, ha deliberato essere necessaria.
In particolare si chiederà la semplificazione amministrativa eliminando il ruolo del Comitato Tecnico scientifico, quale organo sovrapposto a quelli comunali, per il rilascio dei titoli edilizi, paesaggistici e urbanistici.
La sostituzione del Consiglio del Parco con una Giunta del Parco nominata dal Presidente.
La trasformazione della Comunità del Parco nel Consiglio del Parco con precisi e rafforzati poteri di indirizzo e controllo e con rafforzamento del ruolo dei sindaci.
Potere di convocazione di tavoli volti a affrontare fenomeni interessanti le aree del Parco pur se posti al di fuori dei confini del Parco stesso.
Sulla questione sarà promosso il dibattito all'interno del Consiglio comunale con l'obiettivo di un documento unitario a sostegno dell'azione di riforma".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure