Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Luglio - ore 09.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Paoletti: "Scuole, perizie nascoste". Futuro e radici: "Bambini, non pacchi"

Il sindaco di Lerici 'bacchetta' le opposizioni, l'associazione propone la sua visione sul rebus dell'offerta educativa.

Cantieri in vista

Golfo dei Poeti - “Sono quattro anni che lavoriamo sulle strutture scolastiche facendo ciò che le attuali opposizioni hanno omesso di fare quando amministravano, anche a fronte di perizie che hanno a suo tempo nascosto nel cassetto. E loro si svegliano solo adesso e si arrabbiano. L'espressione più bassa della politica, quattro anni di silenzio e poi si accendono con l'approssimarsi della campagna elettorale”. Con queste righe il sindaco di Lerici Leonardo Paoletti ha commentato le parole rilasciate dalle opposizioni a margine della commissione di sabato scorso in relazione agli spostamenti di alunni necessari per l'esecuzione di lavori di adeguamento antisismico della scuola Augenti e delle medie di Via Gozzano. Un tema caldo – a un anno dal voto amministrativo 2020, come sottolineato dal primo cittadino – su cui oggi interviene anche l'associazione 'Futuro e radici', convinta “che i bimbi non sono pacchi e che le decisioni su eventuali spostamenti degli edifici scolastici dovrebbero essere prese coinvolgendo le famiglie interessate, vorremmo esprimere il nostro punto di vista. I progetti educativi e pedagogici alla base di asili nido e scuole dell’infanzia non possono prescindere dalla qualità e bellezza degli spazi, interni ed esterni, che si mettono a disposizione, visto che a quelle età, la priorità è quella della socializzazione, dei giochi collettivi e dell’esplorazione degli spazi”.

Il sodalizio lericino ritiene che “la collocazione più idonea per il Nido sia l’ex scuola di Pozzuolo, sulla quale, tempo addietro, si era già predisposto un progetto in tal senso, che è dotata di spazi esterni  idonei, è in una posizione strategica che andrebbe a servizio anche di territori limitrofi, ha un’area aggiunta pensata in previsione, potrebbe ospitare anche la Sezione Primavera che è attualmente totalmente inadeguata. Ovviamente le associazioni attualmente presenti nella struttura vanno collocate altrove, ma le alternative ci sono. La Scuola dell’Infanzia deve rimanere all’Augenti, anche perché si è in presenza di un lascito vincolato il cui utilizzo possibile è solo quello educativo, non può essere venduta né utilizzata con altra destinazione pena la restituzione agli eredi. Vanno necessariamente pensati adeguamenti ma la  collocazione resta invidiabile. Non vorremmo che ci si ritrovasse con l’ennesimo patrimonio collettivo lasciato andare in malora, visti i precedenti della Cochrane a Pugliola”.

“Sappiamo molto bene i rischi che corre il nostro Istituto comprensivo – concludono da Futuro e radici - di conseguenza se non si diventa appetibili anche a livello strutturale per le zone limitrofe, il rischio di dimensionamento dell’Istituto è alto. Non avere più un dirigente scolastico direttamente sul territorio sarebbe una grave perdita organizzativa e didattica. È meglio pensarci e programmare con oculatezza il futuro scolastico del nostro paese Su ogni trasformazione, ma in particolare su un settore così delicato e sensibile, non si può prescindere dalla condivisione con l’Istituto Comprensivo e con le famiglie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News