Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 21 Luglio - ore 22.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Palmaria, l'opposizione chiede di rivedere il protocollo d'intesa e chiede un consiglio straordinario

Golfo dei Poeti - In merito al dibattito sul futuro dell'isola Palmaria i consiglieri di minoranza del gruppo "Porto Venere Bene Comune" Saul Carassale, Franco Talevi, Francesca Sacconi e Fabio Carassale, rimarcano "la necessità di rianalizzare l'intero protocollo d'intesa avviato tre anni fa, votato in consiglio comunale dalla precedente amministrazione senza precise indicazioni, né di tipo economico, né sulle destinazioni d'uso previste per i beni interessati, e di cui il masterplan proposto da Kipar (selezionato, con importanti variazioni, dalla cabina di regia tra i cinque proposti) è una conseguenza, peraltro mai vista né discussa in consiglio comunale in tutta la gestazione".
"Valutare il masterplan senza l'approfondita analisi sociale ed ambientale del quadro generale (incluse le preesistenti funzioni turistiche di cui già beneficiano le forze armate sull'isola), limitandosi ad esprimere preferenze personali o di categoria sui singoli interventi, è poco più di un esercizio di stile, e - affermano - non risponde ai criteri di responsabilità morale e politica che un simile passaggio richiede.
Il piano presentato sembra essenzialmente rispondere al mandato di "recuperare" le risorse economiche predeterminate dalle richieste della Marina in merito alle manutenzioni straordinarie dei beni non ceduti (tutte ad uso ludico, e non strategiche per la difesa) per diversi milioni di euro, prevedendo l'alienazione di buona parte dei beni di piccole dimensioni senza peraltro garantire risorse all'ente locale per interventi di tipo pubblico sulle strutture principali.
Sostanzialmente, seppur con modalità, proprietà e finalità differenti, tutto il patrimonio edilizio dell'isola (che è più di quanto possa apparire a prima vista, e che vanta edifici di assoluto valore testimoniale) verrebbe gestito o acquisto da privati, con scarsissimo controllo dell'ente locale, e con probabile estromissione del tessuto imprenditoriale locale e difficile garanzia di libera fruizione per i cittadini a trasformazioni concluse.
Se a questo aggiungiamo che, fino ad oggi, non si sono registrate iniziative politiche atte a sostenere l'imprenditoriale locale (giovanile e non) nelle sue diverse forme (start-up imprenditoriali, formazione professionale, creazione di cooperative sociali, ecc.) i timori di vedere il futuro dell'isola Palmaria come "terra di conquista" di capitali estranei al territorio non possono che aumentare".

Il gruppo "Porto Venere Bene Conune" ribadisce quindi la sua contrarietà al passaggio oneroso di beni al Comune da parte del demanio (peraltro con dubbia interpretazione dell'articolo 56 bis del DL 69/2013) e chiede subito una revisione del protocollo d'intesa in tal senso, chiedendo inoltre che venga inserito nelle trattative l'area più importante del punto di vista sociale e logistico dell'isola, ovvero il "Terrizzo", restituendo gratuitamente ai cittadini la proprietà e la sovranità di parti di territorio per decenni riservate alla difesa (e quindi interdette) nel secolo scorso e lasciate andare in rovina per decenni.
Il gruppo di minoranza esprime inoltre l'auspicio che le valenze ambientali e storiche presenti sull'isola siano giustamente considerate al di sopra di opportunità finanziarie, affinché la loro conservazione e corretta valorizzazione possa favorire una fruizione turistica sostenibile e dare sviluppo sociale e d economico al territorio stesso, in primis a chi vive sull'isola.

"In queste ore - concludono Carassale e i colleghi di opposizione - stiamo riformulando la richiesta di un consiglio comunale straordinario, che attualmente non risulta ancora accettata dal Sindaco Cozzani".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News