Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Febbraio - ore 17.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Palmaria, Battistini: "Segnato un punto importante per la trasparenza"

Palmaria, Battistini: "Segnato un punto importante per la trasparenza"

Golfo dei Poeti - Nel collegato alla legge di stabilità della Regione Liguria per l'anno 2018 si è parlato anche di due ambiti territoriali strategici dislocati nella provincia spezzina: l'isola Palmaria a Portovenere e il waterfront della Spezia.
Nelle scorse settimane si è molto discusso dei protocolli d'intesa, ancora mostri ignoti e inaccessibili per i cittadini, attraverso i quali, sia il Comune di Portovenere che la Regione Liguria, vorrebbero dar vita a progetti di valorizzazione della Palmaria.
Ed è proprio questa parola "valorizzazione" che, unita alle esperienze del passato, seppur in altri territori, vedi il piano Botta a Sarzana, le dichiarazioni di Toti su una nuova Capri ligure e il sopralluogo del facoltoso imprenditore Denegri, ha destato non poche preoccupazioni.
Valorizzare, purtroppo, almeno nell'ultimo decennio ha significato, soprattutto, cementificare, privare un luogo della sua vera identità e stravolgere ambiente e paesaggio.
Questo non dovrebbe mai accadere, e a maggior ragione non dobbiamo permettere che avvenga in un territorio che ha ospitato, dalla fine degli anni 60 ai primi anni 2000, ciò che è stato un vero e proprio simbolo di degrado urbano e di sfregio al paesaggio: lo scheletrone.
L'isola Palmaria è un patrimonio storico e naturale di tutta la comunità e come tale deve essere preservato partendo da due principi cardine: trasparenza e partecipazione.
La prima deve accendere un riflettore, chiaro e costante, sui documenti e sui progetti durante tutto il percorso; l'altra avrebbe il dovere di coinvolgere e ascoltare le istanze delle associazioni, dei comitati e dei singoli cittadini nelle scelte e negli obiettivi da perseguire.
Partendo proprio dalle recenti e negative esperienze urbanistiche che hanno lacerato l'opinione pubblica cittadina rileviamo, anche alla Spezia, la stessa forte esigenza di trasparenza e partecipazione, anche come strumenti per risolvere i conflitti e compiere scelte condivise.
E in particolare ci riferiamo ai progetti sul waterfront, il fronte a mare del nostro capoluogo, che deve coniugare esigenze urbanistiche di sviluppo, di mitigazione dei tanti disagi che alcuni quartieri adiacenti al porto soffrono e di armonizzazione della città con il suo mare.
Elemento, questo, rimasto per troppo tempo estraneo.
Per queste ragioni abbiamo cercato di intervenire, in Consiglio Regionale, con delle proposte emendative importanti e che potessero incidere sulla trasparenza amministrativa e progettuale e sulla partecipazione nei percorsi previsti dai protocolli di intesa.
Il nostro emendamento sulla partecipazione e l'apertura al dibattito pubblico sui grandi progetti territoriali della nostra Regione è stato purtroppo respinto.
Nulla di nuovo sotto il sole rispetto alla passata amministrazione targata PD, dunque.
L'emendamento sulla trasparenza, invece, siamo riusciti a farlo approvare all'unanimità ed è diventato legge.
Entro breve, quindi, quei mostri ignoti e inaccessibili che sono ancora questi protocolli d'intesa verranno resi accessibili e chiari.
Tutta la documentazione prodotta, i progetti e gli atti elaborati saranno consultabili sul sito web della Regione Liguria nella sezione Urbanistica.
Un risultato importante, il nostro, perché i percorsi inclusivi non possono che partire dalla trasparenza e dalla disponibilità di tutta la documentazione.
Da qui si potrà partire per analizzare scelte e obiettivi e proporre soluzioni alternative o osteggiare ciò che potrebbe compromettere il territorio e i suoi equilibri urbanistici e ambientali.
Consegnare le chiavi amministrative ai cittadini per renderli protagonisti della vita politica è, da sempre, una nostra priorità per far crescere, in meglio, il Paese.

Francesco Battistini
Consigliere Regionale
Rete a Sinistra/liberaMENTE Liguria

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News