Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Maggio - ore 14.27

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Cimiteri di Lerici, l'ex assessore: "Squadrismo su pagina del sindaco"

Botta e risposta tra Olga Tartarini e Leonardo Paoletti sulla situazione del camposanto di Narbostro.

Cimiteri di Lerici, l´ex assessore: `Squadrismo su pagina del sindaco`

Golfo dei Poeti - Prosegue a Lerici la polemica sul cimitero di Narbostro (l'inizio qui e qui), scoppiata a ridosso della commemorazione dei defunti del 2 novembre. Intensi gli scambi di cortesie e i confronti social, con diversi protagonisti, dal sindaco Leonardo Paoletti all'ex consigliere e presidente del comitato di frazione lericino, Bernardo Ratti, senza dimenticare attuali consiglieri ed ex assessori.
La nuova mandata della vicenda si è innescata quando l'ex assessore Olga Tartarini ha fatto notare al sindaco che per sistemare i cimiteri "in bilancio c'erano 70mila euro con progetto esecutivo già approvato! Quindi? Qual è la giustificazione?". La risposta del primo cittadino Paoleti non si è fatta attendere: "Olga Tartarini la aspetto mercoledì in Municipio per mostrarmi il progetto esecutivo di cui parla. I 70mila euro (330mila euro di intervento) sono finiti a rifare il tetto della scuola Fiori che a breve verrà completamente rifatto perché dal 2010, l'ingegnere incaricato, vi aveva scritto che era urgente l'intervento e che dovevate subito procedere alla chiusura dell'ultimo piano della scuola perché il sottotetto era pericolante. Olga Tartarini la Vostra aggressività è fuori misura, certo non al livello della vostra faccia tosta". Ha dato manforte alla Tartarini la capogruppo di "Golfo dei Poeti", Maria Chiara De Luca: "Caro Sindaco - ha scritto l'esponente Pd - lei non perde mai l'occasione di stupirci! Quando si amministra si operano delle scelte ed al contempo ci si sottopone A critiche, che da chi le scrive sono sempre circoscritte in un ambito di estrema correttezza. Ma evidentemente a lei questo limite non piace, visto che consente nella sua bacheca ad alcuni di lanciare epiteti molto discutibili. Come ricordava la Tartarini sono trascorsi 16 mesi, è arrivato il tempo di assumersi qualche responsabilità. Poi la giustifichi come vuole ma la prego visto che è anche il mio Sindaco dia il buon esempio faccia in modo che la dialettica politica rimanga nei giusti confini della correttezza e del rispetto". Facendo notare alla De Luca che "i cimiteri li ha ridotti in questo modo lei", il sindaco ha così rincarato: "A noi tocca trovare i soldi per sistemare i cimiteri, le scuole, le spiagge che avete chiuso da anni, passeggiate, piazza Cesare Battisti, piazza brusaca, via militare, erosione costa ecc..... avete fatto un buon lavoro".

S'è fatto sentire anche il consigliere comunale di maggioranza Massimo Carnasciali: "Olga Tartarini, la tua affermazione mi lascia di stucco. Dal lontano 2009, anno in cui la Pubblica assistenza di Lerici ha smesso la gestione dei Cimiteri è stato un continuo, vergognoso e irrispettoso degrado. Negli ultimi tre anni purtroppo sono un assiduo frequentatore del cimitero di Narbostro e ti assicuro che tutto ciò che siamo costretti a subire è umiliante. Lapidi abbandonate residui edili accatastati ovunque. Lo sfalcio dell'erba avviene nell'orario di apertura, puoi immaginare la quiete e il rospetto che c'è. Ti garantisco che ciò non succede solo nell'ultimo anno e mezzo. E nessuna amministrazione si è mai preoccupata dello stato fatiscente del cimitero. Se furono stanziati soldi pubblici sono stati letteralmente buttati via perché di migliorie o lavori importanti io da cittadino non ne ho mai notati".

Dal canto suo, sempre sul profilo istituzionale del sindaco, Bernardo Ratti ha rimarcato le richieste avanzate dal comitato di frazione di Lerici nei mesi scorsi, rispondendo così a Carnasciali: "L'equivoco di fondo è proprio questo. Perché, è una gara a chi fa meno? Chissene di cosa è stato fatto prima del Giugno 2015. Su tantissime cose, come giusto, e ti assicuro che io non mi sono tirato indietro, sono state evidenziate pecche, anche molto più grosse di queste, due anni fa, 7 anni fa, ecc. Ora siamo al 30 di Ottobre 2016 e si chiede, ora, come si sistemeranno le cose. Punto. I cittadini chiedono che ci sia rispetto per il luogo, per i defunti e per i loro parenti".

Ieri, poi, la "ciabattaia" (così la appellata un utente sulla bacheca del primo cittadino) Tartarini ha voluto rispondete a "l'attacco violento del Sindaco sull'argomento cimiteri. Scrivo su questa pagina (la sua personale, ndr), e non su quella del Sindaco, per evitare attacchi squadristi. Pubblico la documentazione che il primo cittadino mi richiedeva (anche se non è rimasto sul tema del dibattito). La delibera in questione trovava copertura con mutuo dedicato. Poiché si tirano in ballo le scuole accusandoci di non aver affrontato l'argomento sicurezza, ricordo inoltre che in un anno e mezzo (periodo in cui sono stata in comune) gli interventi sulle scuole ci sono stati eccome: secondaria di Lerici messa in sicurezza sismica; scuola in via Gozzano S. Terenzo rifacimento copertura tetto ed infissi; finanziamento di 500mila euro dalla regione per scuola di Tellaro (a cui oggi si è rinunciato); richiesta alla regione per rifacimento tetto primaria di Lerici. E non dimentichiamo anche la sismica sulla sede comunale! Ad oggi il sindaco è stato in carica quanto me!". E, come detto, la Tartarini ha rispolverato la delibera dell'ottobre 2014 con la quale la giunta Caluri diede l'ok al "progetto preliminare e definitivo inerente gli interventi di manutenzione straordinaria, risanamento strutture e restauro" in dieci corpi loculi nel cimitero di Narbostro (52mila euro). Documenti sui quali è intervenuto anche l'ex titolare dei Lavori pubblici, Michele Fiore, che ha osservato come al progetto "erano vincolati 53 mila e rotti euro. La restante parte dei 70 mila a bilancio sarebbero serviti per iniziare con il rifacimento dei cornicioni e la sostituzione delle canale del cimitero di San Terenzo. L'intervento in oggetto è un lotto di un progetto di riqualificazione complessiva di Narbostro risalente all'epoca di Fresco. 350 mila euro totali". E ancora: "Prima di fantasticare su milioni di euro di opere dalla dubbia non dico utilità ma quanto meno priorità, sarebbe bene pensare alle cose più sentite dai cittadini. Voglio dire: investendo 50 mila euro l'anno entro fine mandato Paoletti si sarebbe rifatto più di metà cimitero senza neppure la necessità di doversi fare il progetto dato che è depositato ai lavori pubblici. Se non gli interessa farlo, si misuri sulle sue scelte politiche senza insultare chi lo critica".

Per chiudere, un'informazione pratica. Fino al 4 novembre, i cimiteri lericini saranno aperti dal lunedì al venerdì dallw 8 alle 17.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure