Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Luglio - ore 14.54

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Più servizi ferroviari per Cinque Terre, sbagliato investimento Migliarina"

De Ferrari e Traversi incalzano Rfi e Trenitalia dalla festa grillina di Falconara. Interrogazione del deputato per far chiarezza sul Contratto di servizio.

"No turismo mordi e fuggi"
"Più servizi ferroviari per Cinque Terre, sbagliato investimento Migliarina"

Golfo dei Poeti - Trasparenza da parte di Trenitalia e delle aziende a capitale pubblico, no all'incremento del turismo 'mordi e fuggi', attenzione alle esigenze delle Cinque Terre anche nella stagione invernale. Questi alcuni dei cavalli di battaglia che oggi, nel corso di una conferenza stampa, hanno aperto la nona edizione dell'ormai tradizionale festa del Movimento cinque stelle spezzino al parco di Falconara di Lerici. Protagonisti il consigliere regionale Marco De Ferrari e il deputato Roberto Traversi. “Trenitalia ha dichiarato pubblicamente che la maggior parte dei suoi profitti derivano dai contratti di servizio regionali, con aumento di entrate anno dopo anno – ha esordito De Ferrari –. Introiti che arrivano dalle tasche dei pendolari – oltre 120mila solo in Liguria – e che riteniamo debbano essere investiti per dare il servizio più efficiente possibile. E quando abbiamo avuto accesso al Contratto di servizio 2018-2032 tra Regione Liguria e Trenitalia, strumento in cui si definiscono gli investimenti, abbiamo trovato oscurate le parti chiave, come il piano economico finanziario”. Ma un lavoro certosino e le iniziative consiliari hanno comunque permesso di farsi un'idea di dove il CdS andasse a parare: “La priorità? - ha continuato De Ferrari – Il rinnovo parco mezzi. Importante, è vero, ma prima deve venire il miglioramento del servizio, quindi puntualità, maggior frequenza dei treni, niente soppressioni. Oggi la rete ligure prevede sette milioni di chilometri percorsi dai treni, per coprire buchi orari e far sì che la gente non aspetti due ore in banchina ne servirebbero almeno otto e mezzo di chilometri. E convogli più frequenti”.

Dal Contratto 'oscurato' prende le mosse un'interrogazione parlamentare presentata il 5 luglio dall'onorevole Traversi, posta all'attenzione, tra gli altri, al ministro alle Infrastrutture, il pentastellato Toninelli. “Sulla falsariga di quanto fatto con Autostrade – ha spiegato il parlamentare – con questa iniziativa si chiede massima trasparenza da parte di una realtà a capitale pubblico come Trenitalia. Anche sul menzionato Contratto di servizio, in Liguria come altrove. Non è possibile che Trenitalia possa sbertucciare i cittadini e non mostrare per intero le carte e i numeri”. Traverso, che nella sua interrogazione ricorda l'impegno per la trasparenza dei comitati di residenti e pendolari delle Cinque Terre (oltre 2mila quelli che si sono mobilitati in questi anni, presentando sei ricorsi), riceverà risposta in Commissione trasporti.

E poi c'è il nodo infrastrutture, ambito della 'sorella' di Trenitalia, Rfi, che, per De Ferrari, “dovrebbe intervenire sull'infrastruttura esistente per aumentarne la capacità e diminuire i tempi di percorrenza. Sbagliato, esagerato l'investimento previsto da Rfi per il riadattamento in chiave crocieristica della stazione di Migliarina: dodici milioni che avrebbero potuto essere investiti per migliorare le stazioni delle Cinque Terre, sulle quali, inoltre, tornando al tema del servizio, non ricadono gli importanti introiti che Trenitalia fa con i flussi estivi, somme che dovrebbero invece essere usate per migliorare la situazione in inverno, riempiendo buchi orari e inserendo treni”. E l'operazione Migliarina stimola anche una deferrariana riflessione sul turismo: “Quelli trasportati dal Cinque Terre Express – ha affermato – sono sempre più turisti 'mordi e fuggi', vogliamo davvero andare verso questa prospettiva? Questo continuo 'bombing'? Bisognerebbe invece lavorare per un turismo di qualità, vivo tutto l'anno e che si ferma di più sul territorio”. A fine conferenza stampa, si è confrontata con i due onorevoli pentastellati, condividendone iniziative e posizioni, Patrizia Lombardo, uno dei portavoce dei comitati ricorrenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































Lo Spezia 19/20 prende forma, secondo voi oggi è più forte o più debole del suo predecessore?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News