Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 10 Dicembre - ore 09.15

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Pitelli, inaccettabile fare spallucce"

`Pitelli, inaccettabile fare spallucce`
Golfo dei Poeti - "Noi, da intendersi come forze della Sinistra, siamo da sempre contrari al declassamento da Sin (sito di interesse nazionale, ndr) a Sir (sito di interesse regionale, ndr) del sito di Pitelli". Parola di Michele Fiore, esponente di Possibile, già assessore del Comune di Lerici nel corso dell'amministrazione Caluri.
"Su questo - prosegue Fiore, quando alcuni, come me, ancora militavano nel Pd, abbiamo (e parecchio) battagliato. Non senza ragioni, evidentemente. La nostra contrarietà non era un capriccio: ritenevamo che col declassamento (contrariamente a quanto si andava dicendo) le bonifiche (Costituzionalmente previste, peraltro) sarebbero state più difficili.
Soprattutto pensavamo che lo "spacchettamento" del sito (effetto del declassamento) avrebbe reso conveniente (dove c'era interesse economico) le bonifiche in alcune zone e sconveniente in altre. Per cui si stabilivano, per legge, zone di serie A e zone di serie B.
E una bonifica non può rispondere a ragioni economiche. Mai.
Si parlava di questi famosi (spero non fantomatici) 1.3 Mln di euro stanziati dalla Regione (nell'ambito di una Conferenza di servizi del Luglio del 2014) per Pertusola, ma ci fidavamo così tanto (anche perchè nel verbale non si faceva propriamente menzione dello stanziamento ma si parlava, al contrario, ci si impegnava genericamente a reperire risorse ministeriali) che presentammo, come Maggioranza, un atto di interesse generale in Consiglio Comunale, impegnando l'Amministrazione ad effettuare alcune azioni, che sarebbero state ciclicamente verificate dalla Commissione competente: campagna di monitoraggio integrativa, messa in sicurezza permanente dell'area di Navalmare, convocazione della conferenza dei servizi per valutare revisione e/o integrazione della caratterizzazione del sito, istituzione con la Regione e altri enti e autorità competenti di un tavolo al fine di predisporre un piano tecnico ed economico finanziario e avviare con Asl una campagna epidemiologica onde valutare l'impatto dell'inquinamento sulla popolazione, e infine effettuare una valutazione precauzionale di attività volte alla tutela della salute".

"Ove detti impegni, nel corso di 6 mesi, non avessero avuto seguito - spiega ancora Fiore - l'Amministrazione avrebbe dovuto avanzare formale Istanza affinchè il sito tornasse ad essere SIN e non più SIR. Parliamo, dunque, di un atto amministrativo approvato da un Consiglio Comunale, come tale valido e vincolante. Anche oggi.
Se serve si può ripresentare, adattandolo alle attuali necessità e rivincolando l'attuale Giunta agli impegni a suo tempo assunti da quella precedente. Che cadde poco tempo dopo, non portando dunque a termine il proprio impegno (ovviamente non sappiamo se lo avrebbe fatto oppure no).
Oggi fare spallucce, come fa il Sindaco di Lerici, dando semplicemente la colpa al passato e dichiarando che "non ci sono soldi" non è accettabile.
Chi ha potere (e strumenti) di Governo deve compiere ogni azione possibile, parlare per atti, bussare alle porte e se del caso battere i pugni.
Almeno affinché quei 1.3 milioni e, in ogni caso, gli impegni assunti su Pertusola nell'ambito della conferenza di servizi di cui sopra, vengano rispettati.
Se il Sindaco ha la volontà di alzare la voce coi sui amici in Regione (dello stesso colore politico) e con la componente vicina al suo capo cordata (nonché Consigliere Regionale, Costa) che attualmente Governa il paese (ovvero Ncd) sono certo che il Consiglio Comunale non farà mancare il suo contributo.
Siccome noto che gli piace pubblicare atti amministrativi (ancorché incompleti) a proprio uso e consumo, renda noti (e pubblici) anche quelli partoriti sulla questione in oggetto, dal suo insediamento ad oggi.
Perchè parliamo di una questione importante, che riguarda tutti e che responsabilizza tutti.
A partire da chi ha l'onere (e l'onore) di amministrare il nostro Comune".
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure