Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Settembre - ore 12.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Non siamo una lista di disturbo in accordo con Paoletti, queste sono calunnie"

Ai ferri corti le due liste concorrenti di quella che sostiene il sindaco uscente. L'intervento del candidato di Lerici sogna, Giovanni Agnellini.

Scintille lericine

Golfo dei Poeti - "Lerici Sogna intende la competizione elettorale come un confronto di idee per consentire agli elettori di fare la scelta che maggiormente li rappresenta. Non tutti la pensano così però. Alcuni pensano che sia più comodo prendere la scorciatoia delle calunnie per screditare la posizione degli avversari ed in particolare questa volta se la sono presa con noi. Pertanto ci vediamo obbligati a spendere poche parole per far capire che la calunnia non paga ed è un boomerang per chi la lancia. La calunnia messa in giro dai simpatizzanti della lista Siamo il Golfo dei poeti è che siamo una lista di Italia Viva di disturbo in accordo con Paoletti e che non hanno idea del perché non siamo rimasti con loro". Lo afferma in una nota Giovanni Agnellini, candidato sindaco di Lerici sogna.
!Punto primo - continua l'architetto -: non siamo una lista di Italia Viva bensì una lista civica dove la componente Italia Viva rappresenta meno della metà dei candidati il resto è tutta società civile senza appartenenza partitica. La nostra lista nasce da una iniziativa di alcune persone di Italia Viva che hanno partecipato alla lunga ed infruttuosa trattativa per creare un’unica coalizione . Non riuscendo a condividere le nostre idee e trovandoci difronte ad una tavola già imbandita e l’imposizione di un sindaco che non ci rappresentava , abbiamo pensato che le nostre idee potessero essere utili per il paese per cui ci siamo dati da fare con coraggio per presentare una lista civica e dare agli elettori che non si riconoscevano nelle altre due liste una possibilità ulteriore di scelta. Punto secondo: la discussione durata sei mesi ha testimoniato sicuramente la nostra buona volontà nel trovare un accordo con la coalizione facendoci peraltro perdere molto tempo prezioso per far conoscere meglio le nostre idee. Pertanto chi chiama Lerici Sogna lista di disturbo , come se fosse nata all'improvviso dal nulla con lo scopo di favorire Paoletti , deve solo provare vergogna quando alla mattina si guarda allo specchio. Chi fa politica in questo modo si squalifica da solo e siamo convinti che gli elettori ne terranno conto. Punto terzo: noi non siamo mai usciti dalla coalizione per il semplice motivo che non ci siamo mai entrati".

Agnellini conclude affermando che "Vara aveva detto che se la sua candidatura non fosse stata accettata all'unanimità non la avrebbe accettata. Poi ha cambiato evidentemente idea, una sua libera scelta. Per noi l’unico obiettivo è quello di andare a governare per il bene del Comune e riteniamo di avere al nostro interno le capacità le competenze e la determinazione per riuscire a proiettare il paese in un futuro migliore".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News