Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Gennaio - ore 14.29

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Bando operaio specializzato, togliere scuola superiore come requisito ammissione"

Mozione della consigliera comunale lericina Arianna Bucci: "Il diploma può dare punti, ma non può determinare la possibilità di accedere alla selezioni. Così si esclude un'ampia platea di persone".

Concorso
"Bando operaio specializzato, togliere scuola superiore come requisito ammissione"

Golfo dei Poeti - Il requisito del diploma di scuola superiore va rimosso dal bando di concorso per operaio specializzato edile lanciato dal Comune di Lerici. Lo chiede all'amministrazione comunale di Lerici, attraverso una mozione, la consigliera comunale di opposizione Arianna Bucci, del gruppo Siamo il Golfo dei poeti. “Già lo scorso gennaio – spiega la consigliera - questa amministrazione comunale aveva ricevuto la segnalazione (con contestuale richiesta di modifica dei criteri previsti) circa i presupposti stabiliti dall’Ente per l’accesso alla procedura concorsuale in epigrafe. In particolare era segnalato che il Contratto collettivo nazionale delle funzioni pubbliche prevede – segnatamente nell’allegato A del Contratto del 31.03.99, il mero possesso di una “base teorica” di conoscenza, ovviamente collegate alla funzione richiesta, acquisibili mediante la frequentazione della scuola dell’obbligo, eventualmente accompagnate da un ulteriore percorso formativo specilistico. Per l’effetto, si riteneva illegittimo il requisito del possesso del diploma di scuola superiore, richiesto da questp Comune per l’accesso alla procedura”.

Bucci ricorda come “in più occasioni i giudici amministrativi abbiano, sì, riconosciuto in capo all’Amministrazione che bandisce la procedura selettiva un potere discrezionale nell’individuazione della tipologia dei titoli richiesti per la partecipazione ad un concorso, da esercitare tenendo conto della professionalità e della preparazione culturale richieste per il posto da ricoprire. Nondimeno, i giudici hanno chiarito che, in assenza di una fonte normativa che stabilisca autoritativamente il titolo di studio necessario e sufficiente per concorrere alla copertura di un determinato posto o all’affidamento di un determinato incarico, la discrezionalità nell’individuazione dei requisiti per l’ammissione, nel rispetto del criterio dell’adeguatezza della professionalità e della preparazione culturale richieste per il posto da ricoprire, è sempre naturalmente suscettibile di sindacato giurisdizionale sotto i profili della illogicità, arbitrarietà e contraddittorietà”.

Stanti queste considerazioni, Bucci ritiene “oggettivamente incomprensibile il 'paletto' imposto dall’ente il quale conduce al solo effetto di escludere in via preventiva una platea di persone potenzialmente molto alta in un momento, peraltro, delicatissimo per l’economia e il lavoro nella nostra regione, ove i dati Istat certificano proprio in questi giorni la perdita di 11 mila posti di lavoro in soli 3 mesi. Alla Amministrazione, posta la rimozione del requisito (che si ritiene illegittimo oltrechè palesemente inopportuno) di accesso alla procedura de qua, non sarà affatto vietato stabilire un punteggio per chi possieda, oltre alle qualifiche necessarie, e fermo il rispetto di quanto disciplinato dal Contratto collettivo citato, un punteggio ulteriore per chi sia in possesso anche del diploma di scuola superiore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News