Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Settembre - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Valdettaro costruirà un maxi cantiere in Sardegna

Il gruppo spezzino investa a Cala Saccaia, all'interno del porto di Olbia. Nasce un polo per mega yacht unico nel Mediterraneo. Vanelo: "Nessuna concorrenza alle Grazie, servirà barche più grandi. Mi muove la stessa passione di quando ho iniziato".

investimento milionario
Valdettaro costruirà un maxi cantiere in Sardegna

Golfo dei Poeti - Il Cantiere Valdettaro raddoppia con un progetto ambizioso: firmare il più grande polo per mega yacht di tutta la Sardegna. La burocrazia è fatta, gli accordi con gli enti locali ci sono, ora si attende solo l'inizio dei lavori per vedere sorgere il secondo polo cantieristico del gruppo spezzino, leader nella nautica d'elite. Dal Golfo della Spezia a quello di Olbia, dalla baia delle Grazie all'insenatura di Cala Saccaia, la nuova realtà sorgerà su un'area di 45mila metri quadrati all'interno del porto olbiese di proprietà per la maggior parte di Industrie Cala Saccaia Srl che ha ottenuto una concessione demaniale quindicennale.
"La Sardegna è il luogo ideale per la nautica - illustra la scelta Ugo Vanelo, il motore dell'iniziativa - E' una delle più belle isole al mondo e la nautica nel periodo estivo è molto importante, anzi direi che si svolge prevalentemente proprio in quel mare. Ci sembrava giusto avere una location all'altezza delle baie delle Grazie, così l'abbiamo cercata e infine abbiamo trovato un luogo altrettanto meraviglioso".

Un piazzale, un grande capannone, un sistema di travel lift, una gru di alaggio. Non sarà una copia dell'insediamento spezzino, che per dimensioni è più contenuto. Ma non sarà neanche un elemento di concorrenza interna, visto che il polo sardi è pensato per imbarcazioni anche sopra ai 50 metri. "E' pensato per barche più grandi rispetto a quelle che possiamo movimentare alle Grazie - spiega l'amministratore delegato - E' un'iniziativa sinergica insomma, che non delocalizza e non porta via clientela al nostro insediamento delle Grazie. Smisteremo le richieste: le imbarcazioni più imponenti in Sardegna e le altre alla Spezia. La filosofia del cantiere, quella di voler portare avanti la formazione e la preservazione degli antichi saperi dei maestri d'ascia, rimarrà il nostro caposaldo e sarà riproposta anche lì".
L'iniziativa ha la benedizione dell'amministrazione comunale di Olbia, della Regione Sardegna e la partnership del Cipnes, il Consorzio industriale provinciale Nord Est Sardegna. Sono loro ad aver lavorato per attrarre fondi europei e regionali che affiancano l'impegno diretto del Cantiere Valdettaro che investirà una cifra, pare, dell'ordine di 10 milioni di euro. Sarà una base navale tra le più grandi di tutto il Mediterraneo installata proprio al centro del Mediterraneo in un'area strategica. A due passi dalla Costa Smeralda nelle cui acque navigano durante il periodo estivo alcune delle unità private più importanti del mondo, ma non lontana dalla Costa Azzurra, dalla Riviera Ligure e dalla Toscana.

"Abbiamo trovato una realtà che si sta aprendo alle iniziative legate alla nautica - spiega Vanelo - E' un settore d'altra parte fonte di grandissimi ritorni, anche per il territorio stesso. Noi quando abbiamo iniziato alla Spezia siamo stati veri e propri pionieri con la Marina del Fezzano trent'anni fa. Era persino difficile trovare maestranze ai tempi. Oggi la Spezia è la capitale della nautica, dotata di una logistica straordinaria. Sta raggiungendo e forse ha già superato anche Viareggio. Lo stesso spirito con cui ho iniziato me lo porto in questa nuova avventura. Avrei potuto portare avanti l'attività di famiglia (storicamente presente nel mondo del marmo, ndr) e invece ho cambiato totalmente settore. Mi guidava la passione, che mi ha fatto sempre superare i problemi". Il cantiere di Cala Saccaia dovrebbe aprire i battenti nell'inverno del 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News