Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Novembre - ore 20.28

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

I nostri borghi più belli d'Italia si attivano: "Rilancio con Recovery"

L'ordine del giorno nato sulla scorta della lettera del presidente Primi comincia a farsi spazio nei parlamentini locali.

209 miliardi
I nostri borghi più belli d'Italia si attivano: "Rilancio con Recovery"

Golfo dei Poeti - Utilizzare una quota del Recovery Fund per sostenere i Borghi più belli d'Italia: lo ha chiesto, in una lettera rivolta al premier Giuseppe Conte, Fiorello Primi, presidente della nota associazione che raccoglie oltre trecento scrigni di bellezza nostrana, sei dei quali nello Spezzino: Brugnato, Framura, Montemarcello, Tellaro, Varese Ligure e Vernazza. Per Primi, le risorse del Recovery costituiscono “un’occasione unica e irripetibile per mettere mano, tra le altre, ad una serie di problematiche che attengono alla sopravvivenza dei borghi italiani e alle comunità che ancora in essi vivono. È necessario ridare nuova linfa vitale alla rete dei piccoli centri che sono l’ossatura sulla quale si regge il corpo di tutta l’Italia. Un’ ossatura che è sempre più fragile e che rischia, se non si interverrà al più presto per rinforzarla di rendere più fragile tutto il Paese”.

L'appello sta cominciando a trovare risposta da parte dei Comuni italiani. Giusto in questi giorni le amministrazioni comunali di Lerici e Framura hanno approvato ognuna il medesimo ordine del giorno a sostegno dell'iniziativa dell'associazione, un atto in cui si evidenzia che “la salvaguardia e la valorizzazione dei Borghi più belli d'Italia sono condizionate a un tempestivo e improcrastinabile piano di investimenti” che, si legge, dovrebbe comprendere tre interventi strategici, vale a dire: un piano nazionale per mettere in sicurezza il patrimonio architettonico dei centri storici e per rendere sicure, energeticamente sostenibili e digitalmente collegate le abitazioni; un'integrazione a finanziamenti previsti dal sisma-bonus e dall’eco-bonus, “per i comuni selezionati e facenti parte dell'associazione i Borghi più belli d'Italia, per la realizzazione di progetti per il recupero urbano dei centri storici in maniera complessa e integrata: restauro delle facciate degli edifici, rifacimento delle pavimentazioni stradali eliminando asfalti e coperture inappropriate, collegamento con la banda larga, abbattimento delle barriere fisiche e sensoriali per l’accesso ai servizi e alle attività con un restauro del patrimonio storico, artistico e architettonico e per un uso produttivo dello stesso”; un fondo per il sostegno alla creazione di una nuova imprenditorialità da parte di giovani che vogliono portare l’attività all’interno dei piccoli centri storici “attraverso un grande piano per il riuso di aree ed edifici dismessi o sottoutilizzati”.
Gli ordini del giorno, che sottolineano “il rilevante successo ottenuto nella trattativa europea per sorreggere la ripresa economica e sociale attraverso l'istituzione del Recovery Fund che ha assegnato 209 miliardi di euro all'Italia”, saranno sottoposti ai consigli comunai e, in caso di approvazione, inviati a presidenza del consiglio, ministero dell'Economia e presidente della Regione, in moda testimoniare l'adesione alla causa da parte dell'amministrazione locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News