Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre - ore 19.44

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Venduto all'asta il divano su cui Shelley leggeva a San Terenzo

un pezzo di storia
Venduto all'asta il divano su cui Shelley leggeva a San Terenzo

Golfo dei Poeti - Arredo d'artista che ha assorbito la salsedine del Golfo della Spezia e l'umidità del Tamigi. E ora pezzo pregiato di un collezionista anonimo che per poterlo sfoggiare ha sborsato 11.875 sterline inglesi, circa 13.500 euro. La prestigiosa casa d'asta Sotheby's ha infatti aggiudicato nelle scorse settimane un divano in legno appartenuto al letterato Percy Bysshe Shelley e all'altrettanto talentuosa consorte Mary Shelley. Mobile di fattura italiana, ha arredato il loro studio a Villa Magni, residenza in riva al mare che ha ospitato i due inglesi a partire dal 1822 e che è stata l'ultima dimora dello sfortunato poeta.
I periti di Sotheby's hanno ricostruito la vita avventurosa dei 230 centimetri di legnoso sofa. Arrivati nel '20 in Italia, i coniugi Shelley lo avrebbero acquistato l'anno successivo a Pisa per poi spedirlo via mare a San Terenzo quando affittarono l'edificio di proprietà dei marchesi Ollandini. Alla morte del poeta, con Mary di ritorno in Inghilterra, il divano sarebbe passato da diverse mani di artisti, nobili e antiquari inglesi in qualche modo soggiornanti in Italia per il loro Grand Tour o solo per piacere.
A tramandarlo ai posteri ci ha pensato infine William Michael Rossetti, fratello del più famoso pittore Dante Gabriel Rossetti fondatore della corrente dei Preraffaelliti. La proprietà di Rossetti, cultore di Shelley e collezionista dei suoi cimeli, è confermata da una foto del 1906 che ritrae il divano, dotato di imbottitura, nel suo studio londinese. Inoltre l'intellettuale ne ha raccontato la provenienza nel diario "Some Reminiscences", pubblicato proprio quell'anno, allegandone un'illustrazione. Restaurato e privato di cuscini, il prezioso pezzo di antiquariato continua il suo viaggio nella storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News